Home News Curiosità Taurasi Vendemmia 2007: è benvenuta la nuova annata

Taurasi Vendemmia 2007: è benvenuta la nuova annata

Alla presentazione dell’annata 2007 del Taurasi sono intervenuti 50 giornalisti del vino e 200 operatori

482
CONDIVIDI

Svoltasi presso il Castello Marchionale di Taurasi, la presentazione a stampa specializzata ed operatori di settore dell’annata 2007 del Taurasi, il più importante rosso del meridione e di certo una delle più autorevoli eccellenze enologiche italiane che ha destato l’attenzione di molti addetti ai lavori ed enoappassionati.

Circa 50 i giornalisti del vino accreditati e 200 gli operatori intervenuti per testare questa prima tappa evolutiva dei più accreditati rappresentanti della blasonata DOCG irpina. Imbottigliati da poco, se non addirittura campioni da botte in fase di affinamento per poter esprimere tutto il proprio potenziale, col tempo, alcuni dei vini degustati in quest’occasione si candidano -al dire di molti- tra i grandi vini da invecchiamento italiani.

“Il Taurasi non è solo un vino d’eccellenza, il Taurasi è l’emblema stesso del vino della regione, è l’orgoglio dell’enologia campana!”. “Il plauso di tutti deve andare – aggiunge – alla maturità ed alla presa di coscienza dei 33 produttori che hanno voluto l’evento assieme all’agenzia di comunicazione Miriade & Partners – un nome dietro al quale si cela il lavoro instancabile del duo De Cristofaro/Del Franco”
(Ugo Baldassarre per TigullioVino http://www.tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php?idArticolo=7570)

Raccogliendo l’eredità di Anteprima Taurasi, la rassegna è stata infatti sviluppata per la prima volta in forma privata ed autonoma e rivoluzionandone il format: ai banchi e stand aperti al pubblico sono state preferite postazioni ad hoc per ciascun visitatore rigorosamente del settore, col servizio assicurato dall’Ais di Avellino.

Nuovo anche il sistema di valutazione dell’annata protagonista della rassegna. Abbandonato il tradizionale sistema di attribuzione del rating “a stelle”, è stata adottata una scala in ventesimi costruita prendendo in considerazione: andamento climatico e specifiche agronomiche, sanitarie ed analitiche dell’annata; dati colturali ed enologici; qualità media dei campioni assaggiati e potenziale di longevità. A valutare i primi due parametri un panel di enologi, agronomi e produttori operanti sul territorio, mentre il responso circa gli altri due è frutto delle degustazioni operate dai giornalisti.

CONCLUSIONI

Un primo rating sull’annata 2007 di 16/20 (ottima annata).

In proposito Angelo di Costanzo – Spilla d’argento Charme Sommelier e Primo Sommelier della Campania nel 2008- scrive: “un’annata tesa ad una disarmante caratterizzazione: calda, asciutta ed anticipata, seppur con le mille sfaccettature figlie anzitutto delle difformi caratterizzazioni microclimatiche nonché delle dissimili interpretazioni stilistiche; è bene ricordare che parlare di Taurasi significa raccontare di un territorio – quello iscritto alla docg intendo – di circa 993 ettari di cui più della metà, appena 415 ettari, destinati alla produzione di Taurasi propriamente detto.”

“Tutti i vini (prosegue Di Costanzo) sono stati egregiamente gestiti nel servizio dalla locale delegazione Ais di Avellino e serviti in assoluta anonimia ed alla giusta temperatura. Taurasi 2007 Colle di San Domenico in assoluto, assieme al Contrade di Taurasi di Lonardo -seppur su linee emozionali diametralmente opposte- il miglior assaggio della sessione. Dal colore ricco e concentrato, rubino netto e carico di splendore. Naso importante, possente, variopinto di sfumature di frutta in confettura – mai la visciola fu così facile e piacevole da cogliere – note iodate, speziate: un ventaglio olfattivo non particolarmente intenso ma ampio, fine ed elegante. In bocca è d’impatto, voluttuoso, entra orizzontale e si distende in maniera costante ed ampia. Un vino essenziale, tecnicamente ineccepibile, figlio di un millesimo complesso e complicato, manifesto di come in annate del genere siano le aziende senza lacci a cavarsela meglio.”
(http://larcante.wordpress.com/2011/01/26/taurasi-gli-assaggi-di-benvenuta-vendemmia-07/)