Home Viaggi Italia 148, 149, 150… boom!

148, 149, 150… boom!

508
CONDIVIDI

Del resto, una nazione che si è spaventata a morte per una influenza si era detta possibilista sul nucleare
Secondo i nostri politici il fotovoltaico comporta ancora troppi rischi. In caso di tzunami vuoi considerare le schegge di vetro rotte? Non saresti libero di girare scalzo.
Ma alcune regioni la vogliono. A dire sì è stata la Campania. “Le centrali saranno sicure“, ha precisato la camorra.
La Lega è ancora favorevole al nucleare. “Con qualche centrale collocata nei luoghi giusti la divideremo davvero l’Italia”.
Ma il 17 marzo è stata la giornata dell’orgoglio nazionale. Manifestazioni tricolore ci sono state in tutta la penisola.
A Milano i consiglieri leghisti hanno lasciato il consiglio regionale mentre si suonava l’Inno di Mameli. “Pareva brutto che ruttassero in aula”, li ha giustificati Bossi.
E guardiamoci la televisione!(Come se nel 2011 ci fosse ancora qualcuno che compra dei televisori, vista l'offerta di qualità dei nostri palinsesti)In Sardegna è pronta una parabola di 64 metri (che pesa ben 500 tonnellate). Si spera che capti un segnale del digitale terrestre decente.
Forse vogliono assistere al programma preserale di Ferrara. Prima della visione la RAI ha consigliato di rinforzare i sostegni che sorreggono i televisori.
La prima puntata è stata un flop. Un milione di telespettatori ha cambiato canale quando Giuliano è apparso in TV. “È così largo che pensavamo continuasse sul 2“, si sono giustificati.
Ma a Paolo Romani (viceministro allo Sviluppo economico) è piaciuto: “Se voglio essere informato guardo il Tg1” ha detto. E d’estate, se vuole fare presto, prende la Salerno-Reggio Calabria.
Intanto è stato arrestato per camorra il sindaco di Pignataro (Caserta), era tra i consulenti di Alemanno. Gli inquirenti si sono insospettiti quando hanno scoperto che non era suo parente.
E a Catania salvato un ristoratore che pagava il pizzo da 10 anni. I carabinieri lo salvano mentre stava ritirando il premio fedeltà.
Arriva dall’Armenia, infine, la scarpa più antica del mondo. Ha 5500 anni. Ma ormai è fuori moda.