Home Varie Eventi Archiginnasio di Bologna: al via la rassegna ‘Il respiro della storia recente...

Archiginnasio di Bologna: al via la rassegna ‘Il respiro della storia recente in Italia …’

482
CONDIVIDI

Oggi, alle 17:00, nella Sala dello Stabat Mater dell’Archiginnasio, in Piazza Galvani 1, al via la rassegna di incontri “Il respiro della storia recente in Italia. Luci e oscurità di una trasformazione incompiuta”. I cinque incontri previsti (1, 8, 15, 29 aprile e 6 maggio) sono promossi dall’Istituto Storico provinciale della Resistenza e della Società Contemporanea (ISREBO), dall’Istituto Storico Parri, dall’Istituto Gramsci Emilia-Romagna e dall’Associazione Clionet.
Si tratta di incontri, ad ingresso gratuito, nel quale si affronteranno temi sociali, politici ed economici di grande attualità, con un occhio anche al passato, alla storia del nostro Paese.
In programma per l’appuntamento odierno di apertura, la presentazione del volume di Enzo Collotti intitolato: Impegno civile e passione critica (a cura di Mariuccia Salvati, Roma, Viella, 2010; 280 p., € 30,00).

Enzo Collotti, nato a Messina nel 1929, ma formatosi nella cultura mitteleuropea di Trieste, insegna Storia Contemporanea all’Università di Firenze. È uno dei piú importanti storici della Resistenza in Europa. Con Einaudi ha pubblicato, fra gli altri, Storia delle due Germanie (Biblioteca di cultura storica, 1969) e, nella Piccola Biblioteca Einaudi, La Germania nazista (1972) e Dalle due Germanie alla Germania unita (1992).
Ha curato inoltre con Renato Sandri e Frediano Sessi Il dizionario della Resistenza (vol. 2, Einaudi, Collana Grandi Opere, 2000-2001).

Il suo ultimo libro offre il ritratto di un intellettuale e storico dell’Europa del Novecento, profondamente impegnato, nel corso della sua vita, nell’attività di ricerca, condotta con grande passione. L’esperienza biografica dell’autore riporta gli studiosi alla necessità di un maggiore dibattito culturale, che dia risposta alle domande e ai problemi che affliggono il nostro Paese, al di là dalle banalizzazioni mass-mediatiche, soprattutto per formare al meglio le nuove generazioni.