Home Varie Ambiente Salto di Quirra, urge la messa in sicurezza del territorio

Salto di Quirra, urge la messa in sicurezza del territorio

360
CONDIVIDI

“A Quirra le persone si ammalano e muoiono da troppo tempo. La casistica dei tumori è sufficiente per sospendere immediatamente le esercitazioni. La Magistratura e il Parlamento proseguiranno il lavoro d’indagine ma non si può rimandare ancora la moratoria delle attività militari in attesa di lunghi e complessi studi. Approfondiremo la questione e porteremo avanti, in tutte le sedi possibili, la difesa della salute degli abitanti di Quirra e dei paesi vicini, ai quali ribadiamo la nostra piena solidarietà”.

Così il presidente di Legambiente Sardegna, Vincenzo Tiana, interviene sulla grave situazione dei territori interessati dalle attività dei poligoni militari in Sardegna, sollecitando le autorità a un’immediata sospensione delle esercitazioni nel Poligono di Quirra.

Legambiente ha organizzato sulla questione un incontro di approfondimento, convocato nel pomeriggio (ore 16:00 Sala Conferenze del Parco Naturale Regionale Molentargius – Saline -Via La Palma Cagliari), per delineare insieme a esperti e rappresentanti del Parlamento una prospettiva di sviluppo per le popolazioni del Sarrabus, dell’Ogliastra e dell’intera Sardegna.

Secondo l’associazione ambientalista, infatti, il sequestro dei fondali marini disposto nei giorni scorsi dalla magistratura denota la gravità della situazione e, anche se non è stata ancora accertata definitivamente la correlazione tra la presenza di metalli pesanti nei terreni e nei fondali marini e l’insorgenza di tumori e malformazioni nella popolazione e negli animali, la casistica esistente configura un esteso allarme sufficiente ad attuare una moratoria delle esercitazioni militari fino a quando il Ministero della Difesa dimostri, in maniera inoppugnabile, che l’attività del poligono è assolutamente compatibile con l’ambiente.

“Quanto sta accadendo – ha aggiunto Tiana – non è un fatto locale ma riguarda tutta la politica dei poligoni militari di Quirra, Capo Teulada e Capo Frasca per cui è necessario un intervento immediato dei Ministeri dell’Ambiente e della Salute per mettere in sicurezza i territori ed in particolare l’ambiente marino. Al Parlamento chiediamo un’inchiesta rigorosa”.

Nel corso della mattina il presidente di Legambiente Sardegna insieme ai parlamentari Amalia Schirru e Francesco Ferrante, componente della Commissione parlamentare sull’uranio impoverito, hanno svolto un sopralluogo presso il distaccamento di Capo San Lorenzo del PISQ.

“Il sequestro disposto dalla Magistratura – ha dichiarato Francesco Ferrante – di fatto impone una sospensione delle attività che va colta per mettere immediatamente in campo le iniziative che a regime possono assicurare la difesa della salute e dell’ambiente”.

“E’ necessario – ha aggiunto l’on. Amalia Schirru – sfruttare la sospensione per impedire anche l’attività di pascolo sull’area interna come misura precauzionale, attivare la bonifica immediata del territorio e dei fondali e migliorare anche la sicurezza e le condizioni di lavoro per i militari”.