Home Varie Ambiente Franco Testa: ‘L’incanto della natura’

Franco Testa: ‘L’incanto della natura’

500
CONDIVIDI

Prosegue l’indagine proposta negli ultimi anni dal Centro Arte Contemporanea, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Cavalese, sul complesso rapporto tra l’uomo e il proprio territorio attraverso lo specifico linguaggio dell’espressione artistica contemporanea.

Le nuove valenze percettive e sociali del territorio montano tra identità e cambiamento sono infatti il filo conduttore di diverse mostre: da quella dedicata alla nuova immagine della montagna antropizzata nelle fotografie di Pierluigi Orler (2008, nell’ambito di Manifesta 7), alla quale è seguito nel 2009 l’evento sulle Dolomiti di Loredana Ponticelli e Cesare Micheletti, alla rassegna nell’inverno 2009-2010 su sei pittori delle valli dell’Avisio (Fiemme, Fassa e Cembra) per arrivare all’ultima, ambiziosa esposizione della scorsa estate sulla scultura contemporanea nell’arco alpino.

Protagonista della mostra attualmente allestita presso Palazzo Firmian di Cavalese, è la natura rappresentata nelle opere di un maestro dell’illustrazione naturalistico-scientifica: Franco Testa.

Aperta al pubblico fino al 25 aprile, la ventunesima mostra dell’istituzione museale del Comune di Cavalese rende omaggio all’arte di un grande illustratore, i cui disegni hanno costellato negli anni riviste prestigiose del calibro di Airone, Silva, Aqua, Focus nonché i ricercati calendari di Erbolario.

L’evento espositivo ben si presta alla valorizzazione del territorio alpino, rappresentato con ineguagliabile raffinatezza nella produzione artistica di Franco Testa. Il visitatore, in questa occasione, può ammirare gli spettacolari acquerelli ispirati alla flora e alla fauna alpina, per poi alla sezione dei soggetti esotici, ulteriore filone di ricerca sulle stupefacenti forme della natura di mondi lontani.

L’opera di Franco Testa si caratterizza nel ricercato abbinamento dell’approfondita conoscenza scientifica di piante e animali ad un gusto formale e un sentimento della natura che va oltre la mimesi per giungere ad altissimi esiti artistici.

Le tavole evocano tutto l’incanto della natura con una raffigurazione minuziosa, fin nei più piccoli dettagli, e un’armoniosa fusione di animali, piante e paesaggi in composizioni di grande suggestione e poesia. ‘L’incanto della natura’, questo il titolo della mostra, intende così essere un invito a stupirsi di fronte alla tanta bellezza, mettendo di volta in volta in luce la miracolosa perfezione degli elementi: dall’organica geometria di una pigna alle complessità ingegneristiche dei nidi, fino alle sublimi grandezze delle montagne. Allo sguardo del visitatore ogni acquerello svela l’emozione di un luogo, fissa i mutamenti del paesaggio nelle diverse stagioni, raccontando animali e piante nella loro più intima essenza. Boschi di faggio e di abeti, funghi e licheni, rododendri e genziane e poi camosci, marmotte, ricci e scoiattoli, picchi, gufi e farfalle, nidi e tane, neve, brina e rugiada. Dall’insieme al particolare, dal grande all’infinitamente piccolo tutto è sotto una stessa lente che, con la chiarezza del linguaggio visivo, diventa strumento di conoscenza e, insieme, fonte di inesauribile meraviglia.

CENTRO ARTE CONTEMPORANEA CAVALESE

Piazzetta Rizzoli, 1 – Cavalese (TN)

Orari: 15:30-19:30

Entrata libera

Visite guidate su prenotazione