Home Viaggi Europa L’Europa: un paese diviso?

L’Europa: un paese diviso?

319
CONDIVIDI

Il governo italiano è deluso dal comportamento adottato dall’Unione Europea. Unione che, oggi, sembra affievolirsi.

Infatti, il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha elogiato il nostro paese per come sta affrontando il problema. Secondo Maroni il modello italiano dovrebbe costituire un punto di riferimento per l’Europa; perché si basa sulla solidarietà e sulla volontà di voler aiutare il prossimo. Princìpi che sembrano attenuarsi in Europa e più in particolare in Francia e in Germania. Quest’ultima, al momento, ha bocciato la linea assunta dall’Italia. Ritiene, infatti, che la decisione di accordare ai migranti permessi temporanei sia contraria allo spirito Schengen.

La concezione di Maroni non diverge dal pensiero di altri importanti uomini politici.

Il presidente del Senato, Renato Schifani, infatti, ritiene che non ha senso parlare di Europa unita se, di fronte a tale emergenza, l’unica risposta adottata è quella di chiudere le frontiere. Sul problema immigrazione l’atteggiamento non dovrebbe essere di chiusura, ma quello di seguire quei valori che l’Europa ha sempre decantato. Schifani, infatti, si domanda: “Fino a che punto ha senso parlare di un’Europa vista come futuro centro di riferimento per una coesione sociale, politica ed economica delle nazioni che ne fanno parte, quando dinanzi a queste difficoltà, ci si chiude all’interno dei propri particolarismi e di valutazioni esclusivamente nazionalistiche?”

Dello stesso pensiero è il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Ritiene, infatti, che il problema dell’immigrazione non deve essere un problema italiano ma europeo. Ha poi aggiunto: ”L‘Europa deve condividere con noi l’accoglienza. Lunedì avremo una risposta”.

Infatti sia Maroni che Berlusconi sperano che lunedì i colleghi europei cambino atteggiamento altrimenti, secondo il premier, è meglio dividersi.