Home Arte In scena, Roma: Singolare Femminile

In scena, Roma: Singolare Femminile

417
CONDIVIDI

Teatro_Foto_ROMA SINGOLARE FEMMINILE loc piccolaE’ iniziato ieri, presso il Teatro Accento di Roma, lo spettacolo ” Roma: Singolare femminile”, opera teatrale scritta e diretta da Pascal La Delfa.
La rappresentazione sarà in scena sino a domenica 15 maggio.

Un viaggio lungo 3.000 anni, scandito dalle vicende appassionate e personali di donne più o meno note del panorama storico e culturale della città Eterna.
Sulle tavole del Teatro Accento si intrecciano le storie della ” mitica” Papessa Giovanna che esprime il dramma della donna costretta a mascherarsi da uomo per resistere e sopravvivere nel “buio” medievale.
Poi c’è Afrania, fervida femminista della Roma antica, che sfida il potere legislativo maschilista ed entra da avvocatessa nel Foro per difendere la causa di una donna come lei.
Dopo una prima parte emotivamente carica di drammaticità, si lascia spazio ad un simpatico siparietto sempre tutto al femminile : Santa Cecilia e Santa Prassede danno vita ad un comico ed esilarante botta e risposta.

Si manifesta poi in tutta la bellezza la vanesia Paolina Bonaparte, donna avvenente e sensuale che intrattiene un dialogo con il maestro Antonio Canova. Il risultato di questo incontro sarà la celebre Venere del Canova, scultura che ben esprime la personalità di Paolina.

Altre donne calcano la scena in successione : Ottavia, sorella di Augusto; Olimpia, discutissima donna che visse al fianco di Papa Innocenzo X; poi ancora la donna del popolo pronta a cantare la gloria di Roma ed infine Anna Magnani, una donna dei nostri tempi.

Malinconica ed arrabbiata come sempre, la Magnani  fa rivivere insieme a lei l’emozione per la vittoria dell’Oscar con il fillm di Visconti ” Roma città aperta”.
In scena Rossana Colace, Veronica Milaneschi, Arianna Porcelli Safonov, Giada Prandi, Paola Tarantino ed Emanuela Vittori.

Uno spettacolo che mescola arte, cultura, bellezza e storia.
Il risultato è una rappresentazione coinvolgente ed emozionante, soprattutto per l’intensa interpretazione delle attrici, che hanno saputo indossare magistralmente le vesti delle donne romane.