Home Varie Medicina & Salute Memoria, oblio e ricordo dei sogni: nuove scoperte al riguardo

Memoria, oblio e ricordo dei sogni: nuove scoperte al riguardo

648
CONDIVIDI

Una recente ricerca scientifica, pubblicata sul Journal of Neuroscience, ha dimostrato che, solo se la corteccia cerebrale presenta oscillazioni elettriche lente, chiamate onde theta (con una frequenza da 5 a 7 Hz) durante la fase REM del sonno, le persone ricorderanno il sogno poco prima del risveglio.

I ricercatori hanno dimostrato che si tratta dello stesso procedimento che si riscontra anche in stato di veglia per la cosiddetta memoria episodica.

Insomma, sono coinvolte le stesse aree cerebrali, e simili sono i meccanismi neurofisiologici, sia per quanto riguarda l’accesso a ricordi episodici, sia per quanto riguarda il recupero dei sogni al risveglio. L’unica differenza, è lo stato di veglia: nel primo caso il soggetto è sveglio, nel secondo dorme e sogna.

Lo studio spiega anche perché la cosiddetta anoneria, ossia la perdita del ricordo dei sogni dopo lesione cerebrale, sia conseguenza o di una lesione della giunzione temporo-parieto-occipitale o della corteccia prefrontale mediale. Si tratta, in sostanza, delle stesse aree cerebrali che permettono ad individui privi di danno cerebrale di ricordare i sogni solo in presenza di specifiche oscillazioni elettriche.

L’esperienza onirica non è da limitare esclusivamente agli stadi REM del sonno, ma a tutte le sue fasi; il successivo ricordo dei sogni è da ricondurre all’assenza sulla corteccia temporo-parietale destra di oscillazioni con frequenza da 8 a 12 Hz, chiamate onde alpha.