Home Varie Eventi Napoli, inaugurata a Castel dell’Ovo la VII edizione di Vitignoitalia

Napoli, inaugurata a Castel dell’Ovo la VII edizione di Vitignoitalia

732
CONDIVIDI

VitignoItaliaDomenica 22 maggio ha aperto i battenti la VII edizione di “Vitignoitalia”, il Salone del vino da vitogno autoctono e tradizionale italiano. Tre giornate in uno scenario mozzafiato quello di Castel dell’Ovo dove 250 espositori offrono il meglio della produzione vinicola del Paese ed incontri di business. Un percorso articolato tra le sale a picco sul mare del trecentesco castello, dove è possibile perdersi tra i profumi e i sapori delle nostre terre.

Quali le novità di quest’anno?

“Quest’anno c’è un ampliamento del percorso e quindi una maggiore accoglienza all’interno del castello – dichiara Maurizio Teti direttore del Salone – . Sicuramente tra le novità c’è Wine remix, che è stato progettato, ideato e formulato qui a Vitignoitalia, e dà vita ad una concezione di degustazione meno tecnica dal punto di vista enologico, che abbina la musica a determinati vini in un’ambientazione particolare. Quindi luci non tecniche, musiche particolari e abbinamento ai vini. Questo ha destato molta curiosità nei visitatori e quindi ha raccolto anche un pubblico trasversale, non solo di addetti ai lavori, tecnico, ma anche di appassionati. Noi siamo una fiera del vitigno autoctono e quindi dobbiamo offrire una caratterizzazione del territorio addirittura del microterritorio e quindi dare un’attenzione particolare a tutto ciò che è dedicato in ambito campano. Andiamo a scavare in profondità le referenze territoriali che caratterizzano la nostra regione”.

A cosa è dovuto il successo della manifestazione?

“Penso che ci sia una sorta di formazione – prosegue Teti – generazionale. Cioè anche il pubblico di giovani che si approccia al mondo del vino ora è preparato. È consapevole di ciò che beve,  sa cosa chiedere. Dopo 7 anni è un pubblico sempre meno di avventori ma di appassionati. Il successo è anche dovuto alla location che è bellissima, alla nostra professionalità e al fatto che sempre più aziende partecipano”.

Tra rossi, bianchi e bollicine ha fatto il suo ingresso nelle sale del castello anche la mostra “Anima e spirito” del pittore Alessandro Pizzo che ha voluto realizzare, per l’occasione, dipinti eseguiti versando il vino direttamente sulla tela, senza usare pennelli e realizzando immagini servendosi di pesi posti dietro la tela o attraverso inclinazioni del vino. “La passione per il vino e i vitigni – dichiara l’artista- è in me fin da bambino, da quando mio nonno mi faceva fare la vendemmia nei suoi terreni e mi pagava anche bene, considerando che mangiavo piùuva di quella che raccoglievo. Scegliere di lavorare usando la bottiglia senza pennelli, mi fa sporcare le mani proprio come a quei tempi ed il profumo che poi mi rimane ne evoca i ricordi”.

Ma Vitignoitalia non è un evento dedicato solo al vino. La fiera offre ai visitatori la possibilità di degustare liquori realizzati con vari tipi di frutta o agrumi e di conoscere la produzione italiana artigianale della birra.

L’evento si concluderà martedì 24 maggio con la premiazione del “miglior chef emergente del Sud”.

Per informazioni visitare il sito: www.vitignoitalia.it

 

1 COMMENTO

  1. io conosco questi quadri di Alessandro Pizzo. Originali belli e fatti con l anima, pieni di emozioni!

Comments are closed.