Home Lifestyle Renato Carosone: decennale della sua morte

Renato Carosone: decennale della sua morte

554
CONDIVIDI

I successi di Renato Carosone sono indimenticati e indimenticabili, pietre miliari nella storia della musica italiana e napoletana: Maruzzella (1954), ‘O sarracino (1958), Caravan Petrol (1958), O suspiro (1956), Torero (1957). Tutte canzoni ancora oggi apprezzate e non solo in Italia. Basti pensare che i successi degli anni ’50, il suo periodo d’oro, conquistarono le classifiche di vendita europee e nordamericane, scalarono la hit parade statunitense e furono tradotti in 12 lingue.

Un coinvolgimento davvero totale, un’esaltazione della musica italiana e napoletana, fatta anche attraverso il ripescaggio di brani della tradizione, come Anema e core, Luna rossa, Ciribiribin, Johnny Guitar. Decisive furono le novità strumentali e tecniche, quali le nuove tecniche di registrazione su nastro, le variazioni di velocità, le sovrapposizioni, un gusto musicale più ritmico.

Il suo grido di battaglia era l’indimenticabile: “CantaNapoli!”