Home Sport Motori Formula 1, Vettel domina il Gp d’Europa

Formula 1, Vettel domina il Gp d’Europa

569
CONDIVIDI

Sei vittorie in otto gare. La matematica non lascia spazio a dubbi, Sebastian Vettel è il padrone del Mondiale. Il campione della Red Bull trionfa anche a Valencia nel Gp d’Europa e si avvicina a grandi falcate al suo secondo titolo di fila. D’altra parte la classifica parla chiaro: Vettel comanda con 186 punti, 77 in più di Button e Webber. Un abisso.

Nessun errore, gara perfetta: la beffa subìta in Canada è già un lontano ricordo. Il tedesco mantiene il comando del Gp dal primo all’ultimo metro, macinando giri veloci a ripetizione e tenendo sempre a distanza gli inseguitori di turno, Webber prima e Alonso poi, protagonisti di un duello spettacolare fin dalle battute iniziali.

Alonso scatta bene al via e supera Hamilton, quarto alla bandiera a scacchi. L’asturiano, sostenuto dal suo pubblico, mette nel mirino Webber e gli si fa sempre più sotto fino a passarlo al giro 21 con una grande manovra. Finisce lì la loro battaglia in pista, comincia quella tra i muretti di Ferrari e Red Bull. Sono i pit stop a premiare Alonso, prima scavalcato dall’avversario nel corso della seconda sosta, poi di nuovo avanti – per un soffio – dopo l’ultimo passaggio ai box.

La Rossa di Maranello sembra essere finalmente più competitiva, tendenza confermata dal quinto posto di un bravo Felipe Massa. Attenzione, però: ora arrivano i circuiti che premiano di più l’aerodinamica, punto forte della Red Bull. Il Gp di Gran Bretagna sarà il primo banco di prova per il Cavallino. Se i progressi saranno confermati anche a Silverstone, allora ci sarà da sorridere o da riflettere a lungo per quanto non fatto finora.

Un passo indietro per Jenson Button, eroe a Montreal quindici giorni fa. Il campione del mondo 2009 giunge soltanto sesto alla bandiera scacchi dopo una gara incolore. Bene anche Rosberg, settimo davanti ad Algersuari e Sutil. Domenica nera per Michael Schumacher, precipitato in 17esima posizione. Italia indietro anche oggi: Trulli arriva 20esimo, tre posizioni più avanti di Vitantonio Liuzzi.