Home News Curiosità La strage di piazza Tiananmen: era il 3 giugno 1989

La strage di piazza Tiananmen: era il 3 giugno 1989

417
CONDIVIDI

La protesta di Tiananmen ebbe inizio il 15 aprile 1989 in modo pacifico da parte degli studenti di Pechino.

Le forze politiche cinesi erano spaccate al loro interno: c’era chi voleva placare la protesta in modo non violento, instaurando un dibattito con gli studenti, e chi era favorevole alla linea dura, convinto che i manifestanti fossero manipolati da potenze straniere.
La protesta assunse proporzioni inaspettate: si era ampliata anche fuori dalla città di Pechino, arrivando a coinvolgere oltre 300 città; alcuni studenti iniziarono lo sciopero della fame.

Nel mese di giugno arrivò la drastica decisione da parte di un influente politico cinese, Deng Xiaoping: il Presidente della Commissione militare centrale fece pervenire alle truppe l’ordine di usare la forza. La notte del 3 giugno l’esercito iniziò quindi a muoversi verso Piazza Tienanmen e lì aprì il fuoco sulla folla disarmata.

Ancora oggi le stime dei morti variano. Il governo cinese parlò inizialmente di 200 civili e 100 soldati morti, ma poi abbassò il numero di militari uccisi ad “alcune dozzine”.
La CIA stimò, invece, 400–800 vittime. La Croce Rossa riferì 2600 morti e 30.000 feriti.
Il governo, dopo quel triste episodio, continuò a dare la caccia ai contestatori, che furono imprigionati o esiliati, e limitò l’accesso da parte dei media internazionali, dando la possibilità di coprire l’evento alla sola stampa cinese.
Per legittimare quella repressione finita in un bagno di sangue, la propaganda ufficiale sostenne che i manifestanti avevano attaccato l’esercito, il quale, a costo di pesanti sacrifici, era comunque riuscito a salvare il socialismo.

Tante canzoni si sono ispirate a questo episodio, all’epoca condannato fortemente dall’Occidente.
Vi è un riferimento sarcastico anche in una puntata de I Simpson: Homer e famiglia vanno in Cina, passano in piazza Tiananmen dove notano un monumento con una targa che reca la scritta: “In questa piazza nel 1989 non accadde nulla”.