Home News Curiosità Vacanze, crescono le richieste per i luoghi no kids

Vacanze, crescono le richieste per i luoghi no kids

493
CONDIVIDI

Mare, sole e tanto relax. Ma se ci sono bambini nei paraggi, di rilassarsi non se ne parla proprio. E allora come fare? Nessun problema, basta prenotare le proprie vacanze in alberghi e ristoranti “no kids”. Anche l’Italia, al passo con l’Europa, offre la possibilità di trascorrere le vacanze estive in strutture vietate ai bambini, come l’Hotel Morfeo, sulla Riviera adriatica, “un hotel solo per giovani”. Le prenotazioni sono riservate, infatti,solo ai ragazzi dai 16 ai 35 anni, dunque niente bambini e niente adulti in età avanzata.

Ryanair ha annunciato che da ottobre potrebbero partire i primi voli vietati ai bambini. Una decisione presa dopo avere effettuato un sondaggio tra 1.000 passeggeri in tutta Europa dal quale è emerso che la metà degli interpellati pagherebbe volentieri tariffe più alte pur di evitare di sentire le “lagne” dei bambini, in quanto molte sarebbero state le lamentele dei passeggeri il cui volo sarebbe stato rovinato a causa dei rumorosi bimbi a bordo.

Anche in Austria e in Spagna ci sono sempre più hotels “child-free”e sempre più siti dedicati a vacanze “adults only”.

In Spagna la catena di alberghi Iberostar ha lanciato un brand “aduts only” che vieta il pernottamento nei suoi alberghi di Maiorca e Gran Canaria agli under 14.

In Italia, pur senza un rigoroso divieto sono numerosi gli alberghi che preferiscono una clientela adulta, come il famoso hotel la Scalinatella di Capri, 5 stelle e vista mozzafiato, che accetta preferibilmente over 15.