Home Arte Benozzo Gozzoli e Cosimo Rosselli nelle terre di Castelfiorentino. Pittura devozionale in...

Benozzo Gozzoli e Cosimo Rosselli nelle terre di Castelfiorentino. Pittura devozionale in Valdelsa

559
CONDIVIDI

Per il ciclo ‘La città degli Uffizi’ -una serie di mostre finalizzate alla promozione della conoscenza dei tanti artisti nati nella provincia fiorentina-, dopo ‘Il Cigoli e i suoi amici’ nel 2008, ‘L’Oratorio di Santa Caterina all’Antella’ nel 2009 e ‘I Ghirlandaio. Una famiglia di pittori del Rinascimento’ e ‘Beato Angelico a Pontassieve’ nel 2010, arriva ‘Benozzo Gozzoli e Cosimo Rosselli nelle terre di Castelfiorentino. Pittura devozionale in Valdelsa’ .

Sarà il Museo Be-Go di Castelfiorentino (FI) ad ospitare fino al 31 luglio l’esposizione curata da Anna Padoa Rizzo e Serena Nocentini, offrendo ai visitatori quattordici prestigiose opere del Quattrocento fiorentino provenienti dalle collezioni di diversi musei.

Per l’occasione è stato progettato un originale percorso tematico, collegato storicamente e artisticamente ai preziosi affreschi del Museo Be-Go, come il ‘Tabernacolo della Visitazione’ e il ‘Tabernacolo della Madonna della Tosse’, mediante i quali Benozzo Gozzoli lasciò due testimonianze importanti della cultura rinascimentale in Toscana.

Fra gli altri, il visitatore ha la possibilità di ammirare una ‘Madonna col Bambino’ del Beato Angelico, proveniente dai Musei Vaticani, una ‘Madonna col Bambino in Trono’ e una ‘Adorazione dei Magi’ di Cosimo Rosselli, provenienti dalla Galleria degli Uffizi; di Cosimo Rosselli sono poi da segnalare anche le tempere su tavola provenienti da Vicchio e Città di Castello, mentre per Benozzo Gozzoli saranno esposti alcuni dipinti provenienti dal Museo di San Marco di Firenze, da Assisi e da San Gimignano.

L’esposizione è stata organizzata in collaborazione con l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Chi visiterà il Museo Be-Go avrà l’accesso ridotto al percorso museale di Palazzo Medici Riccardi, che ospita ‘La Cavalcata dei Magi’, probabilmente il più celebre capolavoro di Benozzo Gozzoli.