Home News Cronaca Delitto Rea: forse una foto scagiona Salvatore Parolisi

Delitto Rea: forse una foto scagiona Salvatore Parolisi

614
CONDIVIDI

Nell’ordinanza del Gip di Ascoli è contenuta una foto che potrebbe valere a Salvatore Parolisi la scarcerazione e la caduta delle accuse.
E’ uno scatto in cui si intravede un’auto parcheggiata dietro a una staccionata del pianoro di Colle San Marco. La difesa dell’uomo tenterà il tutto per tutto puntando proprio su quell’immagine. Analizzando il profilo di uno dei fanali, infatti, l’auto sarebbe compatibile con una Renault Scénic nera, proprio il modello in possesso di Parolisi.

Dunque, se la vettura fosse davvero quella del caporal maggiore, significherebbe che l’uomo al pianoro c’era, come ha sempre affermato, anche se gli inquirenti non gli hanno mai creduto. Tutto l’impianto accusatorio crollerebbe, perchè la presenza di Parolisi al pianoro è incompatibile con l’uccisione della moglie a Ripe di Civitella, morta proprio in quel lasso di tempo.

“E’ una delle tantissime cose che non funzionano nell’ordinanza di custodia cautelare”: così l’avvocato Valter Biscotti, uno dei legali di Salvatore Parolisi, commenta la notizia della foto allegata al provvedimento. “Il nostro consulente tecnico, il prof. Roberto Cusani, sta lavorando su questa foto, dove si vede – spiega Biscotti – un’auto con un fanale simile a quello della Scenic, e il colore è scuro, aldilà dei riflessi di luce. Io non so se è quella di Salvatore, ma certamente c’è un’auto, e i ragazzi che erano sul pianoro e hanno scattato quelle foto sono quanto meno inattendibili, perché dicono di non aver visto nulla. Ma è solo una delle tantissime cose che non funzionano nell’ordinanza, e che porteremo al Riesame”.

5 COMMENTI

  1. 1) E’ uno scatto in cui si intravede un’auto parcheggiata dietro a una staccionata del pianoro di Ripe di Civitella.
    2) l’uccisione della moglie a Ripe di Civitella
    Il testo dell’articolo smentisce il titolo…

  2. 1) E’ uno scatto in cui si intravede un’auto parcheggiata dietro a una staccionata del pianoro di Ripe di Civitella.
    2) l’uccisione della moglie a Ripe di Civitella
    Il testo dell’articolo smentisce il titolo…

  3. Si attaccano veramente a particolari quasi insignificanti i difensori di
    Salvatore, anche se capisco che cerchino di far bene il loro lavoro di
    legali del presunto assassino. Sono ben altre le prove della non
    presenza di Salvatore e Melania sul pianoro di Colle San Marco quel
    primo pomeriggio del 18 aprile, mentre l’auto di Parolisi è presente
    solo intorno alle 15,30, verosimilmente dopo aver ammazzato la moglie.

Comments are closed.