Home Viaggi Estate: è tempo di vacanze … ma con un occhio al risparmio

Estate: è tempo di vacanze … ma con un occhio al risparmio

407
CONDIVIDI

Che sia un periodo di crisi per il nostro Paese è risaputo, eppure gli italiani alle vacanze proprio non sanno rinunciare, soprattutto quelle al mare.

Le nostre spiagge sono gettonatissime, apprezzate dai turisti di tutto il mondo: per l’estate 2011 c’è stato il boom di prenotazioni in Puglia, soprattutto grazie alle spiagge del Salento e ai villaggi che offrono servizi ad hoc sia per le famiglie con bambini sia per le comitive di giovani in cerca di divertimento.
Molto ricercate anche le spiagge della Sicilia, mentre la Sardegna quest’anno è penalizzata dalla questione del caro traghetti.

Per chi al mare preferisce la montagna, le mete preferite sono Alto Adige e Valle d’Aosta.

Per quanto riguarda le mete estere, se fino all’anno scorso il Nord Africa trainava le vendite, con Egitto e Tunisia a farla da padrone grazie a costi bassi e ottimi servizi, quest’anno le carte in tavola sono diverse e gli italiani in agenzia chiedono altre destinazioni. Primeggiano tra le mete estere preferite di questa estate Grecia, Spagna e Turchia: vicine, low cost, bel mare, ottima cucina.

Ben più costosi gli USA, adatti a chi ha un portafoglio più sostanzioso: per loro, gettonatissime New York, Miami, Boston, San Francisco e Las Vegas.

Gli italiani si affidano alla logica del risparmio, preferendo sempre più spesso i last minute e i voli low cost.

I cosiddetti “viaggi dell’ultimo minuto” sono pacchetti di viaggio che prevedono l’accettazione poco tempo prima dell’esecuzione del servizio proposto: sono, infatti, acquistabili dai 5 ai 7 giorni prima della partena, presso agenzie di viaggio o in rete. I prezzi sono ribassati, al fine di completare i posti rimasti invenduti.

Il risparmio che si raggiunge in questi casi arriva fino al 50% rispetto al prezzo originario.

Certo, c’è da stare attenti: a volte il termine “last minute” viene utilizzato solo per rendere l’offerta più accattivante. Spesso in realtà più che di una riduzione dei prezzi si tratta di una offerta con servizi aggiuntivi, dunque il turista indeciso o pigro o che prenota all’ultimo momento va a beneficiare unicamente della comodità del pacchetto già pronto. Bisogna sempre prestare molta attenzione in fase di prenotazione, perchè un last minute troppo scontato spesso può celare delle sorprese sgradevoli.

Per quanto riguarda le compagnie aeree a basso costo, si tratta di società che offrono voli a prezzi molto inferiori rispetto alle compagnie aeree tradizionali, eliminando gran parte dei servizi non essenziali rivolti ai passeggeri.

In Europa la crescita di passeggeri che si sono serviti di compagnie low cost è stata esponenziale: 3 milioni nel 1994 e 17,5 milioni nel 1999.

EasyJet e Ryanair appartengono alle linee aeree economiche di maggior successo in Europa. Basti pensare che con la sola Ryanair nel 2009 hanno volato 65 milioni di persone e oltre 72 milioni nel 2010 con una crescita, per la compagnia, di oltre il 10% da un anno all’altro.

I prezzi di queste compagnie risultano ribassati per via di alcune caratteristiche ben precise, ad esempio: il personale di bordo rientra in giornata nella propria base di partenza, evitando così spese in alberghi e di spostamento, non c’è rimborso delle tasse governative e non governative in caso di annullamento, viene consentito un peso inferiore per il bagaglio rispetto agli offerenti “tradizionali” (il peso in eccedenza viene trasportato con un sovraprezzo).