Home Sport Altri sport La caduta degli dei. Roger Federer e il declino dei campioni

La caduta degli dei. Roger Federer e il declino dei campioni

604
CONDIVIDI

In un articolo sul New York Times dell’agosto 2006, un celebre intellettuale americano sosteneva che vedere giocare Roger Federer era “una esperienza religiosa”, un po’ come assistere ad una cerimonia nella quale i rituali vengono compiuti nella forma e nella sincronia perfetta. Per un amante del tennis è letteralmente impossibile mettere in dubbio il carattere assoluto di questa affermazione, del resto il giocatore Svizzero ha incantato i palcoscenici del tennis internazionale con un modo di giocare e stare in campo che per grazia e perfezione sembrava oltrepassare i limiti delle capacità umane. Quando poi la tecnica e la bellezza estetica dei gesti si uniscono ad una incredibile efficacia sul piano dei risultati portandoti a vincere praticamente tutto, è normale nello sport venire proiettati in una dimensione assoluta dove solo i veri fuoriclasse possono accedere e segnare per sempre con la loro presenza.

Così è stato per Maradona, così per Jordan e altri grandi campioni. Il problema è che nel tennis, essendo uno sport individuale, la fase calante di un atleta non può essere almeno in parte adombrata dalle dinamiche collettive della squadra, e per tale motivo quando i risultati cominciano a venir meno a seguito di una naturale perdita della condizione fisica, il tennista si trova nudo in mezzo all’arena ad incassare la delusione e le critiche del pubblico. Ora per un giocatore comune questo è normale, ma per colui che veniva considerato prima una sorta di divinità lo è meno.

Naturalmente se noi tutti fossimo più intelligenti nel comprendere che anche un mito prima o poi incontra il suo personale “Autunno”, questo non ci sorprenderebbe più di tanto. La verità è che finché il mito scende in campo noi lo vorremmo vedere trionfare, perché  accettare di assistere all’incarnazione del “tennis” sconfitta e logorata dalla fatica ci fa male. A questo punto possiamo solo rispettare la scelta di un grande campione, che per l’amore del suo sport rischia di uscire di scena come un “mortale” e con grande umiltà ci fa capire che anche i più grandi, una volta entrati nella storia, possono cadere.