Home News Curiosità Si addormenta 34enne e si risveglia credendo di essere una 15enne

Si addormenta 34enne e si risveglia credendo di essere una 15enne

472
CONDIVIDI

Naomi Jacobs, 34 anni, madre di un bambino di 11 anni, nel 2008 si è svegliata con una rara forma di amnesia che ha spazzato via gli ultimi 16 anni della sua vita. Al suo risveglio, infatti, la donna era convinta di avere 15 anni, di trovarsi nel 1992, alla vigilia degli esami, che il primo ministro inglese fosse John Major e che il Presidente degli Stati Uniti George Bush Sr.

Il trauma più grande è stato guardare la sua immagine riflessa nello specchio: un corpo nel quale non si riconosceva. Aveva dimenticato anche l’esistenza del figlio: vedere un bambino venirle incontro chiamandola “mamma” l’ha quasi fatta impazzire.
Ha dovuto fare i conti con i processi tecnologici degli ultimi anni, con i cambiamenti politici, con gli eventi storici, riprendere conoscenza con una realtà che avvertiva come estranea e sconosciuta.

Dopo tre anni, Naomi ha ora recuperato gran parte della sua memoria e ha ricominciato gradualmente a vivere una normale esistenza.
Scientificamente, quello che le è capitato è una amnesia globale transitoria, cioè una perdita temporanea della facoltà di ricordare, che può durare poche ore o diverse settimane. Colpisce con maggiore frequenza persone di età compresa tra i 56 e i 75 anni e le cause sono forti stress ed eventi traumatici. Dissolve la memoria “episodica”, quella che tiene insieme fatti e sentimenti della nostra storia personale, ma lascia intatta la memoria “semantica”, localizzata in una differente area del cervello e che si occupa della memoria di fatti generali, non legati ad esperienze personali. Infatti Naomi pur non ricordando l’esistenza del figlio, ricordava comunque come si guida un’auto e numeri di telefono.

“Secondo il mio analista avevo voluto dimenticare perché ero insoddisfatta della mia vita. Quando finalmente cominciai a sentirmi al sicuro e ad accettare il futuro, riaffiorarono i ricordi”.
Da quell’esperienza è nato anche un libro autobiografico dal titolo “Mi sono ripresa il mio sogno”.