Home Arte Salvato un Raffaello nella pinacoteca di Brera

Salvato un Raffaello nella pinacoteca di Brera

454
CONDIVIDI

Lo “Sposalizio della Vergine” è uno dei più celebri dipinti frutto del genio artistico di Raffaello, custodito nella pinacoteca di Brera. Ma proprio qui, a causa di un’infiltrazione d’acqua dal tetto, il dipinto ha rischiato seri danneggiamenti.

L’11 giugno scorso, rivela un tecnico del sindacato Uil, il quadro è stato tolto appena in tempo dalla parete inumidita dalle infiltrazioni.
Il sindacato ora lancia un appello al ministro dei Beni culturali, Giancarlo Galan, affinchè intervenga tempestivamente per evitare il ripetersi dello scandaloso episodio.

“L’acqua è scesa lungo il muro che affaccia sul Loggiato della Pinacoteca fuoriuscendo a fiotti da una crepa che si era aperta in precedenza – racconta un tecnico – Oltre ad allagare il pavimento del loggiato l’acqua è penetrata all’interno, passando sotto l’uscita di sicurezza della sala XXIV e bagnando la parete interna su cui era esposto il dipinto di Raffaello Sanzio”.
Fortunatamente il dipinto è stato tolto in tempo, anche se nel frattempo aveva smesso di piovere e l’infiltrazione si era fermata.

“Il problema delle infiltrazioni a Brera è frequente e non riguarda solo la Pinacoteca – commenta la segreteria della Uil – tanto che negli ultimi cinque anni la Soprintendenza ai beni architettonici è dovuta intervenire più volte per risolvere situazioni di infiltrazioni d’acqua, soprattutto per la parte della Biblioteca Braidense. Per intervenire sulle coperture la soprintendenza ha chiesto di poter accedere ad un milione di euro dei fondi del Lotto 2011. Ma fino ad oggi non è stato concesso nessun finanziamento”.

Il 20 giugno il dipinto è tornato al suo posto, su un pannello espositivo fatto realizzare apposta.