Home Varie Medicina & Salute Guerrilla Marketing: Campagna di sensibilizzazione per l’Alzheimer

Guerrilla Marketing: Campagna di sensibilizzazione per l’Alzheimer

658
CONDIVIDI

Il 21 settembre è la Giornata mondiale dedicata al morbo di Alzheimer, una patologia che colpisce ormai molte persone e spaventa, considerando che una delle sue caratteristiche essenziali è la perdità di identità. Proprio in occasione di tale data la Federazione Alzheimer Italia ha organizzato una campagna di sensibilizzazione molto diretta e di sicuro fuori dal comune, il suo nome è “guerrilla marketing” e coinvolgerà molte persone che, ignare di tutto diventeranno protagoniste di una candid camera per le strade di Milano.

Precisamente vi saranno dei taxi che avranno al volante un attore, che improvvisamente frenerà e dirà: “Dove sono?  Dove vi devo portare? Non ricordo la strada” ecco che, ovviamente con la presenza di due microcamere verrà registrata la reazione dei clienti; sappiamo infatti che un comportamento del genere da parte di una persona può essere proprio un segnale dell’insorgere di tale malattia ma interessante è vedere senza veli, come si reagisce  a tale comportamento; le candid camera saranno realizzate nel capoluogo lombardo e trasmesse il 21 settembre, ma non sarà l’unica iniziativa promossa, infatti per chi vorrà, potrà aderire anche allo sciopero d’identità su Facebook, ossia eliminare per quella giornata la propria immagine dalla pagina del profilo, proprio per indicare quanto la malattia offuschi  in parte l’identità dell’individuo.

La giornata del 21 settembre inoltre saranno distribuite le chiavi della memoria, chiavette Usb con informazioni sulla patologia dove poter conservare le cose più preziose. Ha spiegato Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia: “Sono tutte attività che ci permettono di riportare sotto i riflettori l’Alzheimer. Nel nostro Paese è urgente migliorare i servizi creando una rete assistenziale intorno al malato e alla sua famiglia che non li lasci soli ad affrontare il lungo e difficile percorso della malattia.”

Attività che di sicuro attirano l’attenzione e possono rappresentare un importante strumento contro l’indifferenza.