Home Lifestyle Cinema Quando la notte

Quando la notte

418
CONDIVIDI

L’alta qualità cinematografica dei prodotti presenti alla 68^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia ha rivelato il valore di un Festival realizzato da un altrettanto valoroso direttore, Marco Müller, in scadenza di mandato.
La Mostra si è divisa fra cinema d’impegno – quello da leone d’Oro, vedi “Faust” -, d’intrattenimento e di sperimentazione, senza dimenticare il lato più glamour della kermesse. Sul red carpet quest’anno hanno infatti sfilato star del calibro di Madonna, George Clooney, Matt Damon, Gwyneth Paltrow, Kate Winslet; e ancora: Vincent Cassel, Viggo Mortensen, Gary Oldman, Keira Knightley.
Tuttavia, fra le scommesse cinematografiche “in bella mostra”, ci sono stati diversi passi falsi: fra tutti non è passato inosservato, probabilmente per mero orgoglio nazionale, il brutto film di Cristina Comencini, “Quando la notte”.
Tratto dal libro della stessa regista, il film doveva essere una delle piacevoli (e molto attese) promesse del made in Italy, salvo poi rivelarsi un buco nell’acqua.
“Quando la notte” è la storia di una madre esausta ed esasperata, Marina (Claudia Pandolfi), alle prese con il figlio di un anno, incline al “pianto cronico”. Quando Marina arriva in montagna per trascorrere un mese di vacanza col piccolo, il rapporto fra i due si fa ancora più complicato: giorno e notte il piccolo scoppia in pianti isterici che innervosiscono Marina e turbano il sonno di Manfred (Filippo Timi), solitario proprietario della casa dal passato difficile (la separazione della moglie, l’allontanamento dai figli) e guida alpina.
Le sofferenze dei due si scontrano in una storia che nel complesso non funziona: la recitazione, così come la regia, troppo spesso lascia a desiderare.

1 COMMENTO

  1. Si parla solo del fatto che il film della Comencini non sia piaciuto alla stampa, mentre invece si tace sul fatto che il pubblico l’ha applaudito per ben 8 minuti!! Io lo vedrò sicuramente, visto che il libro mi è piaciuto moltissimo e lei è una delle mie scrittrici/registe preferite.

Comments are closed.