Home News Cronaca Addio a Steve Jobs

Addio a Steve Jobs

606
CONDIVIDI

Un genio, un’intelligenza fine, un uomo rivoluzionario. Steve Jobs ha cambiato il mondo, lo sappiamo tutti. Le sue creazioni hanno segnato un’epoca, quella in cui viviamo, e hanno sconvolto il tradizionale modo di comunicare. Steve Jobs ha saputo osare ed è riuscito a cambiare le vite di milioni di persone senza che queste se ne accorgessero.

L’annuncio della morte è comparso questa notte sulla home page della società di Cupertino. Poche righe, un comunicato molto scarno “Steve Jobs è morto” .

Jobs era da tempo malato di tumore al pancreas, la malattia lo aveva colpito nel 2004 e lo ha consumato lentamente. Le sue apparizioni hanno segnato via via il declino di quest’uomo, che è sempre rimasto lucido e geniale ma che appariva fisicamente sempre più magro e stanco. Immancabile maglietta nera e jeans anche per la sua ultima apparizione televisiva per la presentazione di ICloud, il 6 giugno scorso. Dagli spalti qualcuno gli grida ” I love you” e lui abbassa la testa, sorride e ringrazia.

«Apple ha perso un genio creativo e visionario e il mondo ha perso un formidabile essere umano», così si legge sulla home page della Apple dove campeggia una foto in bianco e nero di Steve Jobs con l’anno della nascita e quello della morte: 1955-2011.

” Siate affamate, siate folli”, questa la filosofia di vita di un uomo che ha saputo osare, rischiare e che ha vinto tante soddisfazioni e successi. Ha perso però, troppo presto,  sul campo di battaglia più importante, quello della vita. La sua determinazione e le sue creazioni e il suo ricordo sono tra le mani di milioni di persone, dipendenti dagli oggetti frutto del suo ingegno.

CONDIVIDI