Home News Della Valle: Ora basta

Della Valle: Ora basta

663
CONDIVIDI

Quando un paese è in crisi, la classe politica è il bersaglio principale di accuse che piovono da ogni dove. Stavolta però non è la Cgil a protestare contro la manovra finanziaria. Non è neanche l’opposizione a chiedere le dimissoni del governo. E non sono nemmeno i cittadini indignati a gridare “Basta”. Lo ha fatto un imprenditore ricco e di successo, il proprietario della Tod’s e patron della Fiorentina, Diego Della Valle, che ha comprato intere pagine di giornali destinate alla pubblicità del suo marchio, per poi usarle come manifesto del suo “J’accuse”.

L’imprenditore marchigiano ha annunciato in diretta tv al Tg La7 di Enrico Mentana il suo proposito di lanciare un messaggio alla classe dirigente: “Politici, Ora Basta” è il titolo dell’inedito editoriale. Poco originale, si dirà, ma il messaggio arriva forte e chiaro. “Lo spettacolo indecente che molti di voi stanno dando non è più tollerabile da gran parte degli italiani e questo riguarda la buona parte degli appartenenti a tutti gli schieramenti politici”, scrive Della Valle. “Il vostro agire attento solo ai piccoli o grandi interessi personali o di partito, trascurando gli interessi del Paese, ci sta portando al disastro e sta danneggiando irrimediabilmente la reputazione dell’Italia nel mondo”. Così si leva il grido di indignazione dalle pagine di Corriere, Repubblica, Sole 24 ore e perfino Gazzetta dello Sport. Una critica senza esclusione di colpi ai responsabili del declino della nostra economia: “Persone incompetenti e non preparate che non hanno nessuna percezione dei problemi del Paese, della gravità del momento e tantomeno una visione mondiale degli scenari futuri che ci aspettano”. Insomma Della Valle non usa mezzi termini per la sua invettiva, che, sarà un caso, arriva proprio a ridosso dell’ultimatum di Confindustria al governo: “O si fanno le riforme, o il governo vada a casa”, tuonava qualche giorno fa Emma Marcegaglia.

Che sia in atto un tentativo di creare un polo di consenso intorno ad una nuova figura politica? Il pensiero corre subito a Luca Cordero di Montezemolo, la cui “discesa in campo”, per usare un’espressione di berlusconiana memoria, è stata ventilata a più riprese negli ultimi anni, e ha ritrovato vigore con la costituzione del “Terzo Polo” centrista. Per ora Montezemolo smentisce le voci che lo danno prossimo all’ingresso ufficiale in politica, e anche Della Valle sottolinea che non c’è nessun retroscena dietro la sua iniziativa. Sarà. Anche perchè proprietari di imperi finanziari prestati alla politica, l’Italia ne ha già conosciuto qualcuno, e con esiti non proprio felici!

 

1 COMMENTO

Comments are closed.