Home News Cronaca La continua morte di Marco Simoncelli

La continua morte di Marco Simoncelli

735
CONDIVIDI

In un attimo telegiornali, riviste, siti internet, blog, programmi televisivi, social network hanno interrotto le proprie frenetiche attività per salutare in modi diversi il motociclista vittima della spietata mietitrice. Per divulgare questa tragica notizia i media non si sono preoccupati di rendere pubblico foto e video raccapriccianti che ritraevano gli istanti in cui Simoncelli era vivo.

L’apice della vetta si raggiunge con il giornalista Claudio Brachino durante la messa in onda di Domenica Cinque, talk show condotto assieme alla bellissima Federica Panicucci. Si è perso il conto di quante volte è stato concesso di trasmettere il momento dell’impatto durante il secondo giro di pista. Su facebook, twitter e altri social network, invece, sono centinaia i link dedicati al motociclista e molti altri sono squallide parodie su frasi dette dallo stesso Simoncelli. Infine per incorniciare questo avvilente quadro andando sulla homepage del sito della Gazzetta possiamo ammirare un sorprendente primo piano dell’incidente. Minuti di silenzio, momenti di applausi collettivi non riescono ad attenuare lo sgomento che lo spettatore manifesta di fronte ad una tale freddezza da parte dei media. Molti sottolineano un dispiacere che non riesce ad avere basi concrete e rischiano di risultare ipocriti; altri invece ci celano dietro il desiderio di fare notizia e di soddisfare la curiosità dello spettatore, offrendo loro solo la verità. Il messaggio è chiaro: un ragazzo di soli 24 anni muore realizzando il proprio sogno; e non credo che un messaggio importante come quest’ultimo deve essere accompagnato con la continua riproduzione di un incidente brutale. Lasciate che venga ricordato come il motociclista di successo che era diventato dedito alla famiglia, agli amici e ai suoi indiscussi capelli.

3 COMMENTI

  1. Ciao Sic Addio, io sono Vincdnzo un tuo idolo e anche di Valentino Rossi, mi dispiace anche per la tua ragazza e anche per tuo padre. Ciao da Vincenzo ci mancherai da morire T.V.B.

  2. sono molto dispiacuto non solo per aver perso un gran campione ma un ragazzo di 24 anni con tanta voglia di vivere, eri veramente un ragazzo meraviglioso ciao sic da roberto

  3. amicidisic.jimdo.com/

    nel mio piccolo vedo di farti un sito SIC, anche se il pc non è la mia passione, ma comunque venga , l’importante è stare assieme e pensare che ti hanno portato via solo fisicamente, lasciandoci le cose piu belle di te! a volte mi domando…..da “vecchio” pilota di enduro …… se prevale in questi momenti, di piu la rabbia o il dolore, ma capisco che son due binari uguali !!!! ciaooo sic sei andato da un mio grande amico, e con lui son sicuro che farai delle sane risate! ciaooo SIC carloktm

Comments are closed.