Home Arte La grande pittura sovietica a Roma

La grande pittura sovietica a Roma

870
CONDIVIDI

realismo socialistaÈ in corso, presso il Palazzo delle Esposizioni a Roma, una rassegna sulla pittura realista dell’età sovietica.

La mostra, che rappresenta la più completa rassegna di questo movimento mai presentata fuori dalla patria russa, si svolge nell’ambito del programma di scambio Italia-Russia 2011 ed è stata realizzata grazie alla collaborazione del Museo Statale Russo di San Pietroburgo, la Galleria StataleTret’jakov di Mosca e il Rosizo e 24 Ore Cultura-Gruppo 24 Ore.

Il realismo socialista è una corrente artistica che nasce in Unione sovietica, per poi allargarsi a tutti gli altri paesi socialisti.

Fu un movimento che conobbe un ineguagliato sostegno da parte dello stato sovietico, in quanto divenne esso stesso strumento di propaganda del partito comunista.

Tale movimento diede risalto al ruolo sociale rivestito dall’arte e sancì con determinatezza la superiorità del contenuto sulla forma.

La rassegna Realismi socialisti: grande pittura sovietica 1920-1970 ripercorre lo sviluppo della pittura del movimento artistico a partire dalle ultime fasi della guerra civile ( anni del realismo “puro”) sino alla stagione brezhneviana.

L’esposizione è organizzata in sequenza cronologica attraverso le sette gallerie del Palazzo delle Esposizioni.

1 COMMENTO

  1. In occasione della mostra, i Servizi Educativi-Laboratorio d’arte propongono per gli adulti, a partire dal 19 ottobre, tre appuntamenti all’ora dell’aperitivo per “leggere” con sguardo diverso uno dei capolavori in mostra. Per i ragazzi dai 7 agli 11 anni, Tempi moderni, 3 appuntamenti speciali per avvicinare i più giovani all’arte con un approccio creativo. (Informazioni: www .palazzoesposizioni.it)

Comments are closed.