Home News L’impietosa fine di un dittatore

L’impietosa fine di un dittatore

394
CONDIVIDI

Nascosto dentro una buca, come un coniglio braccato dai suoi predatori che non ha più alcuna via di scampo. Questa è l’immagine più significativa della fine impietosa e ingloriosa dell’ultimo “re” di Libia. Muhammar Gheddafi è stato ucciso e già si parla di un nuovo inizio libico, ma forse è presto per valutare gli effetti della sua morte. Ferito alle gambe da un raid della Nato, il rais sarebbe poi deceduto in seguito ad un colpo alla testa. Un’ora dopo l’annuncio della sua uccisione, le prime immagini del corpo senza vita del rais hanno fatto il giro del mondo, e della rete.

Il fotogramma pubblicato dall’agenzia stampa internazionale France Presse, mostra il volto sanguinante del Colonnello, con indosso la tipica tunica bianca inzuppata di sangue. Nonostante la scarsa qualità dell’immagine, sembra che il corpo del rais venga trasportato da un gruppo di persone in un luogo più sicuro, lontano dai festeggiamenti in corso nella sua città natale.

Intanto l’emittente araba Al Jazeera sta trasmettendo in queste ore un video amatoriale girato con un videofonino,  dove si vede chiaramente il corpo nudo del dittatore, con il volto coperto di sangue e un buco sulla testa. Scene macabre, ma decisive per confermare la reale uccisione del Colonnello. Finisce così un capitolo di storia libica lungo 42 anni. Mentre, l’emittente Al Arabya ha mostrato le prime immagini del tunnel dove sarebbe stato ucciso Gheddafi.

Uno dei fotogrammi mostra due bocche di due tunnel di scolo dell’acqua ricavati nel cemento sotto una strada. All’ingresso, compare il corpo senza vita di un presunto soldato libico fedele a Gheddafi, mentre sulla parete di cemento, sopra alle bocche dei tunnel, è scritto con uno spray blu: “Qui stava Gheddafi. Iddio è il più grande”.

Ma l’immagine forse più significativa è quella che ritrae un ragazzo con in mano una pistola d’oro. Secondo fonti indirette, il giovane 18enne sarebbe colui che avrebbe sparato il colpo di grazia al rais.  Si chiama Ahmed Shabani. Se la notizia fosse confermata, per lui ci sarebbe in palio un premio da 20 milioni di dollari di taglia messi sulla testa del rais.