Home News Terremoto in Turchia, si continua a scavare

Terremoto in Turchia, si continua a scavare

747
CONDIVIDI

Si aggrava il bilancio delle vittime del sisma che domenica scorsa ha fatto tremare la Turchia. Si parla di 270 vittime accertate, ma si continua a scavare tra le macerie degli edifici crollati. Il numero delle vittime rimaste intrappolate fra i detriti delle proprie abitazioni è destinato a crescere nel corso della giornata. Il terremoto di magnitudo 7.3 ha colpito e devastato la cittadina di Van, 380 mila abitanti, nella zona orientale della Turchia al confine con l’Iran. Da due giorni si continua a scavare non solo con le ruspe, ma anche a mani nude. Una corsa contro il tempo nel tentativo di salvare i superstiti. Si contano non solo le vittime, ma anche i danni causati dal sisma. Le autorità turche hanno diffuso informazioni al riguardo poco confortanti sugli effetti del terremoto. Edifici letteralmente smembrati e ridotti ad un cumulo di macerie; 80 abitazioni abbattute nel solo distretto di Ercis, a pochi chilometri dal capoluogo. Tra le vittime anche una bambina di otto anni. Non è l’unica purtroppo ad aver perso la vita nel violento terremoto. Un bilancio che cresce di ora in ora e una devastazione molto simile a quella verificatasi nel lontano 1976 che provocò la morte di 4000 persone.

Il sindaco di Ercis, la cittadina turca più colpita dal sisma, conta i danni e le ferite inferte non solo alla popolazione inerme, ma anche alle strutture e agli edifici. Una catastrofe non solo naturale (bensì, anche umana)  che ha ridotto una popolazione in ginocchio. Edifici già in equilibrio precario, costruiti con materiali di scarsa qualità sono franati come scatole di cartone. Dall’istituto sismologico “Kandili” di Istanbul non sono giunte notizie confortanti: più di mille sarebbero gli edifici danneggiati. Ma l’aspetto più grave riguarda il numero delle vittime. Secondo calcoli teorici dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia italiano (INGV), i morti potrebbero addirittura arrivare a diecimila.

1 COMMENTO

  1. spero che i vivi  siano sempre di più,, a van c’è una ragazza che 2 anni fà è stata ospite in casa mia per un progetto scuola si chiama elyf19 anni studente liceo  spero per lei e la sua famiglia non riusciamo a contattarla

Comments are closed.