Home News Mario Monti, Governo pronto! Oggi si vota la fiducia al Senato

Mario Monti, Governo pronto! Oggi si vota la fiducia al Senato

688
CONDIVIDI

Applausi, strette di mano e sorrisi. Silvio Berlusconi ha passato il testimone al neo Presidente del Consiglio, Mario Monti, che dopo il giuramento di ieri al Quirinale è pronto per presentare il suo programma ed avere il sì della Camera. Si sono schierate a favore del nuovo esecutivo tutte le forze politiche, ad eccezione della Lega.

Nella squadra del nuovo governo non c’è nessun politico, ma la presenza di tre donne e di un super – dicastero assegnato a Passera.

Il Professore riservato e con il suo humour anglosassone evidenzierà in Parlamento le linee guida del suo programma che sono: “pareggio di bilancio, equità e crescita”. Questa sera il Senato sarà poi chiamato a votare la fiducia.

Favorevoli i giudizi espressi dal mondo politico.

“Viva soddisfazione” per la nascita del governo Monti in un ”clima positivo” di cui ”mi compiaccio”. Così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che, parlando con i giornalisti, ha salutato come la “soluzione più idonea” quella della squadra messa a punto dal presidente del Consiglio Mario Monti.

Napolitano ha anche messo in evidenza che la composizione dell’esecutivo è stata “delicata e difficile per la carica di assoluta novità” di questo governo, ma il capo dello Stato è convinto che “siamo riusciti tutti insieme e soprattutto il presidente incaricato a trovare la soluzione più idonea” e tale, ha assicurato, da far pervenire i primi “segnali positivi” di attenzione e fiducia anche dalle istituzioni europee.

“Auguri e in bocca al lupo. Siamo in buone mani”, ha detto Silvio Berlusconi al Premier che ha appena giurato al Quirinale. L’entrata al Governo del nuovo presidente del Consiglio è stata sottolineata da un lungo applauso.

“Ora ci sono i presupposti per ricominciare a ricostruire il Paese”, è il commento a caldo, tra i primi ad arrivare, del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. ”Abbiamo chiesto si affrontasse con rapidità l’emergenza, con un governo tecnico e del tutto nuovo. Possiamo dire di essere molto soddisfatti. La svolta c’è stata”. E il sostegno del Pd a Monti sarà ”serio”, assicura, ”siamo pronti a discutere con generosità sulle misure”. Bersani non si aspetta alcuna ”macelleria sociale”, visto che il premier ha già parlato di equità.

“Siamo di fronte a un governo di ricostruzione nazionale a cui va riconosciuta la ‘tripla A’ per competenza e professionalità”, afferma il vicepresidente di Fli, Italo Bocchino. ”Adesso spetta a tutti i partiti politici sostenere questo esecutivo senza se e senza ma, affinché da qui al 2013 si possano fare le riforme di cui necessita il Paese”. Anche per il leader centrista Pier Ferdinando Casini siamo davanti ad un ”governo ottimo” e ”da domani nulla sarà come prima”.

Meno entusiaste le dichiarazioni che arrivano dall’Italia dei Valori e da Sel. Assicura la fiducia Antonio Di Pietro anche se, dice, ”vogliamo poi vedere provvedimento per provvedimento il suo operato. Valuteremo nei fatti”. Mentre Nichi Vendola, dando un’occhiata alla lista dei ministri, ”a prescindere dall’autorevolezza e dalla competenza delle singole personalità”, nota ”segni di continuità con il passato”. ”Un passato che resiste, che dura, che potrebbe tornare a danzare – afferma il presidente di Sel – con le sue ombre, attorno al senatore Monti, sia pure su un palcoscenico bonificato dagli eccessi dell’avanspettacolo a cui eravamo abituati dalla precedente gestione”.