Home News Cronaca Napoli, rapinata la fidanzata di Lavezzi: è polemica su Twitter

Napoli, rapinata la fidanzata di Lavezzi: è polemica su Twitter

918
CONDIVIDI

E’ la terza volta in poche settimane che a Napoli la compagna di uno dei beniamini della squadra di calcio della città sia vittima di una rapina: stavolta è toccato alla modella argentina Yanina Screpante, fidanzata del centravanti Ezequiel Lavezzi. La rapina a mano armata è avvenuta sabato notte in via Petrarca, una strada bene del quartiere Posillipo: oggetto del furto, il Rolex che la giovane modella portava al braccio.

La brutta avventura ha generato uno strascico di polemiche. La fidanzata del calciatore ha insultato la città sfogando tutta la sua rabbia su Twitter:”E poi dicono che in Argentina c’è insicurezza….Napoli città di mer…. mi hanno rubato l’orologio a mano armata!”. Non sono mancate le repliche di cittadini napoletani che non hanno apprezzato le parole della giovane: ”Napoli non è una città di m…. Poteva succederti ovunque. Modera le parole. Solo a Napoli il tuo fidanzato è un Di”.

La risposta della fidanzata del ‘Pocho’ non si fa attendere: ”Non mi importa, se mi succede qualcosa, il mio fidanzato se ne va da qua!” Salvo poi scusarsi con i tifosi e con la città per lo sfogo: Chiedo scusa a tutta la città di Napoli, il mio è stato un sfogo di una ragazza impaurita,  terrorizzata, dopo una rapina con una pistola in faccia. Vorrei dire anche se mi capitava in Argentina in quel momento avrei scritto lo stesso”. Poi aggiunge, sempre su Twitter: “Napoli e napoletani vi chiedo di comprendere il mio sfogo, non potrei mai odiare o sparlare di un città così bella…..saluti

Si è trattato del terzo episodio di criminalità nel giro di poche settimane ai danni della compagna di un calciatore del Napoli: una rapina con modalità analoghe si era verificata qualche giorno fa, vittima Martina Franova, moglie di Marek Hamsik e in attesa del loro secondo figlio. E lo scorso mese era stata svaligiata la villa del bomber Edinson Cavani. Una semplice coincidenza o una strategia di intimidazione ben precisa?