Home News Prima giornata di consultazioni per Mario Monti

Prima giornata di consultazioni per Mario Monti

706
CONDIVIDI

Si è conclusa la prima giornata di consultazioni per il Presidente incaricato Mario Monti: gli incontri con le forze politiche sono tesi a valutare la consistenza di una maggioranza parlamentare a sostegno del nuovo esecutivo, che potrebbe formarsi già venerdì. “Le consultazioni stanno procedendo con serietà e partecipazione costruttiva” ha dichiarato Monti ai giornalisti, “le forze politiche sono consapevoli della necessità di una fase di distensione (…) e il mio impegno è volto a permettere che la politica possa trasformare questo momento di difficoltà in un’opportunità“.

Sono stati 14 gli incontri di questa prima fase di consultazioni: il Professore ha ricevuto dapprima gli esponenti delle Autonomie e di piccoli partiti presenti in Parlamento. Poi i Radicali, con Marco Pannella che ha avanzato la propria candidatura a Guardasigilli. L’Italia dei Valori ha espresso un appoggio condizionato ad un “governo tecnico e solo tecnico“, come specificato da Antonio Di Pietro, auspicando per il nuovo esecutivo il varo di provvedimenti che incrementino l’equità sociale. Monti incassa poi il sostegno totale del Terzo Polo, che “con i suoi cento parlamentari, dà carta bianca a Monti”, conferma Rutelli. Domani sarà la volta dei maggiori partiti, Pd e Pdl, e delle parti sociali: il Professore infatti ha voluto convocare sia i vertici di Confindustria che i rappresentanti dei sindacati, per coinvolgere le parti economiche e sociali nella delicata fase di ricerca delle convergenze.

Tutte le forze politiche che si sono avvicendate in questa giornata di consultazioni hanno sottolineato la grande attenzione espressa dal Presidente incaricato per il Parlamento e la ricerca di un appoggio di tutte le formazioni, anche eventualmente nella squadra di governo. Monti ha dimostrato di avere già determinato un programma chiaro di crescita ed equità, sottolineando che l’orizzonte temporale del suo incarico  “è quello della fine della legislatura, primavera 2013″ .