Home News Cronaca 12enne ridotta in schiavitù dai genitori

12enne ridotta in schiavitù dai genitori

634
CONDIVIDI

Ricordate la favola di Cenerentola? Non ci crederete, ma qualcosa di simile, anzi forse di peggio, è accaduto a Rapallo ad una esile e fragile ragazzina. A ridurla in schiavitù, stavolta, non è stata la matrigna cattiva con le sorellastre, ma i suoi stessi genitori. Era costretta a pulire e ripulire la casa, non degna di sedersi a tavola, a mangiare gli avanzi ficcati in una busta di nylon e a dormire sul pavimento freddo e duro. Se un angolo era spolverato male, un piatto non lavato bene o avesse solo osato lamentarsi ecco arrivare le botte o le nottate in terrazza anche d’inverno, in mutandine; come estremo rifugio dalle angherie quotidiane c’era l’armadio, nell’indifferenza dei due fratellini che invece potevano giocare ore alla play station e vivere sereni e coccolati.

E’ la storia vera di una ragazzina fragile di 12 anni, che solo ora può sorridere ed essere chiamata per nome, perché nemmeno quello facevano i genitori, rivolgendosi a lei, soprattutto la madre solo per dare ordini o per umiliarla con epiteti che gli agenti della polizia di Rapallo, che hanno seguito le indagini, non riescono nemmeno a riferire, e con commozione sussurrano “ma ha un nome bellissimo”.

A liberarla dalla prigione nella quale era costretta a vivere è stata una telefonata anonima a Telefono Azzurro e il tribunale dei minorenni ha incaricato la polizia di accertamenti. La ragazzina era stata vista spesso in terrazza, chiusa fuori e nonostante le lacrime e il freddo, spesso era vestita solo con un paio di slip, non veniva fatta rientrare in casa. Gli agenti sono andati sotto quello stabile per verificare e hanno visto anche loro la piccola rannicchiata in terrazza. Hanno chiesto informazioni ai vicini, e all’inizio con titubanza poi con “partecipazione”, spiegano dal commissariato, hanno raccontato: qualcuno ha parlato delle ore chiusa in terrazza, qualcun altro la vedeva andare a fare la spesa e tornare a fatica, barcollando con borsoni pesanti, lei così minuta e gracile.

Entrambi i genitori, lei una 37enne ecuadoregna, lui albanese, con lavori saltuari ma regolari, sono stati arrestati.