Home News Cronaca Berlusconi e l’harem di Villa Certosa

Berlusconi e l’harem di Villa Certosa

Il Cavalier Berlusconi testimonia al processo a carico dell'ex direttore di Oggi che pubblicò le foto di Villa Certosa: il Premier attorniato da giovani donne

2394
CONDIVIDI

Da quando non occupa più la carica di Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi si vede sempre più spesso in quelle aule del Tribunale di Milano che per anni ha disertato. Stamattina ad esempio, si è presentato all’udienza del processo a carico dell’ex direttore di Oggi, Pino Belleri: il giornalista è imputato di ricettazione per le fotografie scattate nel 2007 da Antonello Zappadu, che ritraevano l’ex Premier nella sua villa in Sardegna attorniato da diverse ragazze.

Berlusconi è stato ascoltato dai magistrati in qualità di testimone e parte lesa, spiegando di avere subìto una violazione della privacy in quanto nessun fotografo era stato autorizzato a scattare foto all’interno della residenza. “Villa Certosa è un parco delle meraviglie, dove chi viene decide poi molto malvolentieri di andarsene” ha dichiarato il Cavaliere, ribadendo la normalità degli scatti che lo ritraevano insieme ad alcune giovani donne: “E’ mia abitudine prendere per mano i miei ospiti“.

Le foto sono antecedenti allo scandalo Noemi, che sollevò il velo sulle abitudini festaiole dell’allora Presidente del Consiglio, ma suscitarono ugualmente scandalo: secondo Berlusconi in realtà le immagini sono frutto di un ritocco, poiché trattasi di scatti “normali, è stato il modo in cui sono stati presentati, come harem di Berlusconi, che contravveniva alla realtà”.