Home News Cronaca Detenuti in rivolta nel carcere di Ancona

Detenuti in rivolta nel carcere di Ancona

338
CONDIVIDI

Protesta dei detenuti nel carcere di Ancona, che hanno dato fuoco a indumenti e suppellettili in alcune celle. L’allarme è già rientrato e, fortunatamente, non c’è stato nessun ferito nè tra i detenuti nè tra il personale della polizia penitenziaria.

La protesta è scoppiata per un atto di solidarietà  nei confronti di un detenuto che a sua volta, essendo in custodia cautelare, protestava la sua innocenza, per dare forza alla sua richiesta di ascolto da parte dell’ autorità giudiziaria procedente si era cucito le labbra. Convinto dal personale dell’ istituto a desistere dall’atto autolesivo, si era sottratto al controllo e aveva fatto ritorno in sezione. A quel punto altri detenuti hanno inscenato la manifestazione di protesta in segno di solidarietà.

Le condizioni del carcere di Ancona ”sono comunque difficili. Tra le maggiori difficoltà c’è la preoccupazione – sostiene il Dap, dipartimento dell’amministrazione provinciale – per  la carenza del personale, i dati del sovraffollamento e le condizioni degli impianti docce che rilevano preoccupanti infiltrazioni d’acqua”. Il Dap conclude segnalando che ”alla direzione è stata chiesta una relazione aggiornata sul personale distaccato in altre sedi e che la direzione generale dei beni e dei servizi verificherà in tempi brevi gli interventi opportuni da adottare”.