Home Sport Calcio Juve – Borriello, l’accordo c’è: si tratta con la Roma

Juve – Borriello, l’accordo c’è: si tratta con la Roma

346
CONDIVIDI

I tifosi juventini sono divisi riguardo alla notizia dell’arrivo di Marco Borriello (in foto, ndr) in bianconero. L’affare dovrebbe chiudersi proprio nell’ imminente mercato di gennaio, poichè secondo le ultime indiscrezioni, Roma e Juve avrebbero già trovato un accordo di massima: la formula del trasferimento dovrebbe essere quella del prestito oneroso da 1 milione di euro, con una clausola di diritto di riscatto fissata tra gli 8 e i 10 milioni di euro. Paris Saint-Germain permettendo, in quanto sia Leonardo che Ancelotti, che l’ha già allenato in passato a Milano, sembrano decisi a non mollare definitivamente la presa sull’attaccante che vedrebbero bene a Parigi.

A rafforzare l’ipotesi dell’approdo di Borriello a Torino ci pensa Enrico Preziosi, presidente del Genoa, ex squadra del bomber, il quale esclude l’attaccante tra i possibili obiettivi del mercato rossoblù in quanto già diretto verso la Juventus. Marco Borriello, già ad un passo dalla Juve un anno e mezzo fa, dovrebbe quindi giocarsi un posto in attacco con Matri o Quagliarella. Molti tifosi, infatti, lo considerano un bomber da non sottovalutare e che potrebbe benissimo guadagnarsi un posto da titolare in squadra, forte anche di aver concluso le ultime stagioni in doppia cifra; altri, invece, vedono nell’ex Genoa e Milan un attaccante di troppo o addirittura inadeguato allo schema di Conte, che avrebbe già a disposizione i giocatori necessari in quel ruolo.

Certo è che l’allenatore bianconero avrà un’altra prima punta di peso da alternare a Matri e da affiancare magari a Vucinic e Pepe, per formare un trio offensivo vincente. Conte dovrà gestire un altro attaccante di prim’ordine, che quest’anno ha avuto poche occasioni di mettersi in mostra con la nuova Roma Luis Enrique, e che anche per questo ha voglia più che mai di riscattarsi e mostrare il suo valore. Resta allo stesso allenatore bianconero decidere se dargli fiducia e schierarlo in campo da titolare, oppure riservarlo solo per occasioni in cui si troverà a corto di disponibilità.