Home News Cronaca Lele Mora tenta suicidio in cella

Lele Mora tenta suicidio in cella

745
CONDIVIDI

Aveva deciso di porre fine alla sua vita soffocandosi con dei cerotti, legalmente tenuti in cella, sul naso e la bocca. Poi ha chiesto scusa. “Chiedo scusa per quello che ho fatto, ma non ce la faccio più”. Lo ha detto Lele Mora al direttore del carcere di Opera Giacinto Siciliano, poche ore dopo avere tentato il suicidio.

Il tentativo è stato sventato dagli agenti del penitenziario. Lo riferisce in una nota il segretario generale della Uil Pa Penitenziari, Eugenio Sarno.

“Considerate le modalità – ha aggiunto Sarno nel comunicato – più che di un reale tentato suicidio è forse più appropriato parlare di un gesto dimostrativo, che non è escluso possa essere stato messo in piedi per attirare l’attenzione sulla sua vicenda processuale”.

“Il clamoroso gesto – ha sottolineato il segretario della Uil Pa – è solo uno dei circa 1.000 tentati suicidi verificatisi quest’anno nelle carceri italiane, con circa 395 vita salvate in extremis dalla polizia penitenziaria”.

 

CONDIVIDI