Home Varie Teatro Luci delle donne di Fea

Luci delle donne di Fea

456
CONDIVIDI

Il nuovo testo di Alessandro Fea si concentra sulla visione dell’Italia di tre donne che vivono la precarietà non solo lavorativa ma anche nelle loro relazioni con il prossimo.

Teresa è una donna di mezza età vedova e con un figlio, Lollo, poco più che adolescente con il quale ha un rapporto conflittuale. Lei cerca di insegnargli il rispetto verso il prossimo ma lui, forse per cattive amicizie o forse per dispetto nei suoi confronti, “se la fa” con un gruppo di giovani di estrema destra e passa le giornate a insultare e picchiare extracomunitari.
Teresa, non riuscendo a ritirare i soldi della pensione del marito defunto, è costretta a subaffitare in nero le stanze di casa sua.
Una delle coinquiline è Letizia, amica di vecchia data di Teresa, insegnante di scuola licenziata per colpa dei tagli del governo, con una visione politica più simile a quella di Lollo; l’altra coinquilina è Caterina, studentessa universitaria di Palermo emigrata (scappata) a Roma in cerca di un futuro migliore di quello che avrebbe avuto con la sua famiglia con la mentalità sin troppo ristretta.

Alessandro Fea punta spesso sulla gioventù, sia per temi trattati che nella scelta degli attori, tuttavia non pecca nella qualità in quanto i quattro attori in scena si mostrano all’altezza dei loro ruoli. Tutte e tre le attrici, pur dando diverse sfaccettature ai loro personaggi, riescono a mostrare la loro forza nell’affrontare le difficoltà del mondo scritto dall’autore apposta per loro.
Kerry Di Porto nel ruolo della madre mostra un’eccellente bravura che spesso la risalta (forse anche aiutata dalla parte che il suo personaggio ha nel testo) ma, anche se lo spettacolo è principalmente incentrato sulle tre donne, Michele Balducci nel ruolo di Lollo non passa certo inosservato. La forza della sua arroganza è sovrapposta alla fragilità della sua persona.

Il ritmo dello spettacolo è molto serrato e la regia suddivide lo spettacolo come in capitoli per un libro. Talvolta si tinge di ironia ma poi prende una piaga con un accento giallo.