Home Costume e società Non scegliere le pellicce, LAV in piazza per la raccolta firme

Non scegliere le pellicce, LAV in piazza per la raccolta firme

653
CONDIVIDI

pellicciaSono migliaia gli animali che, ogni anno, vengono inutilmente catturati e martoriati solo per lusso. E’ contro questo crimine che LAV (Lega antivivisezione animali) ha deciso di scendere nelle piazze italiane oggi e domani per una mobilitazione nazionale. Con lo slogan ”Dai valore ai tuoi acquisti: non comprare né indossare pellicce”, sarà possibile firmare la petizione a sostegno di una proposta legislativa nazionale che metta fine all’allevamento, alla cattura in natura e all’uccisione di animali per farne pellicce.

Dopo aver mostrato apertamente le violenze delle catture in natura per il mercato della pellicceria, nei prossimi giorni la LAV diffonderà nuove testimonianze. Gli animali da pelliccia sono allevati in gabbie, in maniera disumana, danneggiando gravemente il loro benessere: a questa conclusione, ricorda la LAV, era giunto il Comitato Scientifico per il Benessere Animale della Commissione Europea già nel 2001. ”Eppure le sofferenze continuano: stereotipie comportamentali, cannibalismo e infanticidio sono tra i problemi più frequenti che colpiscono questi animali nelle gabbie. I metodi di uccisione, poi, sembrano richiamare un film horror”, conclude l’associazione.

La Lav ricorda che è ancora in corso la campagna ”8hours”, una raccolta firme contro i viaggi ”in condizioni al momento inaccettabili” degli animali da macello. ”Ogni anno – fa sapere la LAV – milioni di animali sono trasportati per migliaia di chilometri sulle strade europee in condizioni inaccettabili. La legislazione attuale consente che i trasporti durino più giorni e per migliaia di chilometri, moltiplicando la sofferenza”. L’associazione chiede che gli animali siano trasportati al massimo per 8 ore.