Home News Cronaca Trasporti, seconda giornata di sciopero

Trasporti, seconda giornata di sciopero

703
CONDIVIDI

Ancora disagi per chi viaggia. Corse sopresse e pendolari costretti a fare i salti mortali per giungere in orario sul posto di lavoro. Disagi anche per gli studenti che hanno difficoltà a raggiungere le scuole. Animi che si surriscaldano alle fermate per le lunghe attese. Treni e autobus affollati presi al volo. Intere città dominate  dal caos e dall’attività frenetica di chi è costretto a spostarsi coi mezzi pubblici. Ogni volta la stessa storia, eppure gli scioperi sembrano proseguire senza sosta!

Dopo lo sciopero unitario dei sindacati che nella giornata di ieri ha interessato i servizi extraurbani, stamattina incrociano le braccia i lavoratori del trasporto pubblico locale con difficoltà di spostamento su autobus e metro.

Riguardo il trasporo ferroviario è già in corso infatti da ieri sera alle 21 lo stop dei lavoratori  che proseguirà fino alle 21 di stasera. Le Ferrovie garantiscono i servizi minimi indispensabili nelle due fasce orarie principali per i pendolari (6-9; 18-21) oltre ai treni a lunga percorrenza inseriti nell’orario Trenitalia, nell’arco dell’intera durata dello sciopero. Ferrovie dello Stato Italiane ha fatto sapere che circolerà circa il 74% dei 468 convogli nazionali previsti in orario. Per lo sciopero dei lavoratori di bus, metro e tram dei servizi urbani le modalità sono diverse da città a città.

A Roma i trasporti locali si fermano dalle 8,30 alle 17.30 e dalle 20 a fine servizio; a Milano dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio; a Napoli dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio; a Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio; a Venezia-Mestre dalle 9 alle 16.30 e dalle 19.30 a fine servizio; a Genova dalle 9,30 alle 17 e dalle 21 a termine servizio; a Bari 8.30 – 12.30 e dalle 15.30 a fine servizio; a Palermo dalle 8,30 alle 17,30 ed a Cagliari dalle 9.30 alle 12.45, dalle 14.45 alle 18.30 e dalle 20 alla fine del servizio.
A Roma è iniziato alle 8.30 lo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale. Ferme metro A e B e le ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo. La fascia di garanzia prevista dalla legge garantirà la ripresa dei servizi di trasporto tra le 17 e le 20. Lo rende noto l’Agenzia per la Mobilità di Roma. Per lo sciopero, indetto da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti, Orsa, Faisa-Cisal e Fast, non sono attivi anche tutti i servizi al pubblico dell’Agenzia Roma servizi per la mobilità (piazzale degli Archivi 40), il contact center 0657003 compreso ad eccezione delle informazioni su orari e percorsi. Chiusi anche i box informazioni della stazione Termini e di Fiumicino e check-point bus turistici di Aurelia, Laurentina e Ponte Mammolo). E la Centrale dellla Mobilità non é presidiata nel corso della mattinata. Sempre oggi, tra le 8.30 e le 16.30 allo sciopero di 24 ore si sommano due proteste indette, in ambito locale, da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Sul. Sono esclusi dallo sciopero portieri, guardiani, addetti ai centralini telefonici e ai servizi di sicurezza compresi quelli delle metropolitane, gli ingegneri centrali, i capi tecnici centrali, i capi movimento centrali e dovrà essere garantita la presenza dell’ausilio in ”sala operativa”.

A Milano è cominciata alle 8,45 la prima fascia di sciopero nazionale indetto dalle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil, Orsa, Faisa Cisal, Ugl e Fast Ferrovie. La circolazione delle tre linee metropolitane – spiega l’Atm (Azienda trasposti milanese) – viene gradualmente sospesa. Dalle 15 alle 18, orario della seconda fascia di garanzia, la circolazione sull’intera rete sarà regolare. Dalle 18 a fine servizio, saranno possibili interruzioni per il trasporto pubblico sia in superficie che in metropolitana per l’adesione alla seconda fascia di sciopero.