Home News Curiosità Aidaa, in Italia si mangiano 6-7 mila gatti all’anno

Aidaa, in Italia si mangiano 6-7 mila gatti all’anno

882
CONDIVIDI

GattiCucinato in umido con la polenta o arrosto, il gatto sembra essere una delle pietanze preferite dagli italiani.
Sì, proprio lui, col suo tenero musetto, coccolone e giocherellone, che ama farsi accarezzare il suo morbido pelo, finisce spesso in pentola e sulle tavole di coloro che sono attratti dal sapore della sua carne. Secondo Aidaa, l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente, ogni anno in Italia sono almeno 6-7mila i gatti “allevati, cacciati o semplicemente uccisi a scopo alimentare, il 10% di tutti i gatti scomparsi ed abbandonati”.

Mangiare gatti, seppur vietato dalla legge e punito addirittura con la reclusione (uccidere un gatto è reato penale che rientra nell’articolo 544 del codice penale che riguarda il maltrattamento e l’uccisione degli animali di affezione) è un’abitudine ancora radicata in alcune zone specifiche dell’Italia del centro-nord ed in particolare in Veneto con epicentro nelle zone di Vicenza e Verona, ma anche nelle province che stanno ad est della Lombardia (Bergamo, Brescia e Mantova) e in alcune zone del Piemonte e dell’Emilia Romagna”.

 

CONDIVIDI

1 COMMENTO

Comments are closed.