Home News Cronaca Alcoa: protestano i lavoratori di Portovesme

Alcoa: protestano i lavoratori di Portovesme

648
CONDIVIDI

I lavoratori protestano contro la chiusura dell'AlcoaI lavoratori dell’Alcoa di Portovesme hanno animato una giornata di proteste sin dalle prime luci dell’alba, per esprimere il loro totale dissenso sulla decisione della multinazionale Usa di chiudere lo stabilimento in Sardegna e di licenziare oltre 500 dipendenti. Dopo un un sit-in davanti ai cancelli della fabbrica, i lavoratori hanno poi deciso di raggiungere Cagliari con un corteo di auto per portare la loro protesta davanti alle sedi istituzionali.

All’aeroporto militare di Decimomannu, i lavoratori sono stati ricevuti dal comandante della base aerea: qui hanno chiesto al colonnello Alfredo Nazzi di farsi rappresentante delle loro istanze presso l’Ambasciata degli Stati Uniti, affinché eserciti pressioni sull’azienda di Pittsburgh per ritirare la decisione di chiudere lo stabilimento sardo.

Secondo i sindacati, la chiusura dell’Alcoa di Portovesme metterà in ginocchio l’intera economia del Sulcis Iglesiente, territorio gravemente colpito dalla crisi economica, che registra un tasso di disoccupazione giovanile record in Italia. I segretari di categoria di Cgil, Cisl e Uil del Sulcis, durante l’incontro con il prefetto di Cagliari, Giovanni Balsamo, hanno lanciato un appello al governo affinchè si individui una soluzione immediata, suggerendo anche la temporanea gestione degli impianti con una società pubblica, purchè si tenga in vita la produzione.