Home Varie News Blocco tir: Calabria in tilt, scaffali vuoti ai supermercati

Blocco tir: Calabria in tilt, scaffali vuoti ai supermercati

393
CONDIVIDI

Col passare delle ore la situazione sta diventando sempre più critica. Nelle città cominciano a scarseggiare i viveri, mentre il carburante è esaurito già da qualche giorno, mentre lo sciopero dei Tir non accenna a finire. La Calabria, una delle regioni più colpite. E’ critica la situazione per quanto riguarda l’approvvigionamento di beni di prima necessità, quali latte, farina, uova, frutta e verdura, a supermercati e negozi.

A Venezia, intanto, gli agricoltori della Coldiretti distribuiscono la frutta e verdura invendute sul Canal Grande. Hanno lasciato le campagne per portarla agli anziani e alle famiglie, ma anche per denunciare “la grande contraddizione causata dallo sciopero: da una parte circa 50 mila tonnellate al giorno di prodotti deperibili rischiano di essere gettate con gravi danni per gli agricoltori mentre i consumatori non riescono a fare la spesa perché gli scaffali sono vuoti e sui prezzi ci sono speculazioni con aumenti del 40 per cento”.

Blocchi stradali sono presenti sull’autostrada Salerno-Reggio, nei pressi degli svincoli di Gioia Tauro, nel cosentino e nei pressi di Falerna nel catanzarese. Identica situazione per le statali: sulla 106 Jonica i mezzi sono fermi all’imbocco della strada Ionio-Tirreno e all’altezza di Grotteria Mare e nel catanzarese nei pressi di Botricello.

Mezzi pesanti parcheggiati anche sulla statale 18, a Scalea, Tortora e Guardia Piemontese, nel cosentino e, nel lametino, a Settingiano sulla statale 280 Catanzaro-Lamezia. Situazione invariata anche agli imbarcaderi di Villa San Giovanni, dove sono circa 300 i mezzi pesanti che sostano.