Home Arte Centenario della nascita di Jackson Pollock

Centenario della nascita di Jackson Pollock

751
CONDIVIDI

Due giorni fa ricorreva il centenario dalla nascita di Jackson Pollock. Fu il massimo esponente del ‘drip painting’, tecnica pittorica nella quale lo ‘studio’ dell’opera lasciava il posto ad un modo di dipingere istintivo e primordiale, fatto di schizzi e veri e propri “colpi” di pittura sulla tela.
La sua carriera artistica  fu fortemente segnata dall’incontro con l’arte dei nativi americani da cui trae spunto per la sua estetica primitivista, tendente verso temi pittorici universali.
Dai nativi Jackson imparò la tecnica della ‘pittura con la sabbia’, sviluppando la propria celebre tecnica chiamata ‘pouring’: come gli stregoni infatti era solito versare sabbie colorate su di una superficie piatta che poteva avvicinare da ogni lato.

Jackson Pollock morì all’età di 44 anni, dopo aver lottato con l’alcool per tutta la vita. La sua carriera fu tragicamente interrotta l’11 agosto 1956, a causa di un incidente stradale per guida in stato di ebbrezza. Harold Rosenberg scrisse di lui: “Quello che finiva sulla tela non era un quadro, ma un evento. Il punto di svolta c’è stato quando ha deciso di dipingere ‘solo per dipingere’. I gesti che si riflettevano sulla tela erano gesti di liberazione dai valori – politici, estetici e morali”.