Home Lifestyle Chiambretti è tornato

Chiambretti è tornato

785
CONDIVIDI

ChiambrettiIl nuovo Chiambretti Sunday Show, andato in onda ieri su Italia 1 in prima serata, è stata indubbiamente una delle cose migliori proposte in televisione negli ultimi tempi. Peccato non sia stato premiato dai numeri (1.093.000 spettatori per uno share del 5,16%), ma si sa, non sempre nel nostro paese vengono premiati coraggio e originalità. La verità è che il “pierino nazionale” ha dato vita ad uno spettacolo incredibile; intelligente, provocatorio, attualissimo e volutamente sfarzoso e costruito.

Dopo l’aperitivo dello scorso novembre, con la noiosissima puntata dedicata a Laura Pausini, Piero Chiambretti torna agli antichi splendori, ritrova tutta la sua verve, la sua irriverenza, richiama i personaggi più assurdi del mondo dello spettacolo e ne chiama alla sua corte di nuovi. La trovata del “governo tecnico” come supervisore dello show è geniale, così come il tribunale allestito per parlare dell’evasione fiscale, con la straordinaria partecipazione di Platinette e di un esilarante Mago Forest. L’arena “alla Giletti”, dove far scontrare i fan di Vasco contro quelli di Ligabue, è stata la perla scenica di una trasmissione in grado di prendere in giro tutto e tutti.

Chiambretti gestisce, con il solito distacco ironico e parodico, uno spettacolo colto e volgare allo stesso tempo, che sfiora a volte i limiti del surrealismo televisivo, ma sa anche scendere nel profondo come nel momento dell’intervista a Peter Dinklage ( l’attore affetto da nanismo recentemente premiato ai Golden Globe). Ad aiutarlo nella creazione di un programma così sopra le righe, ci sono sempre le voci “stonate” e “dissacratorie” dei suoi fedeli Pino Scotto, Costantino della Gherardesca e gli altri della combricola più pazza della tv. A completare un prodotto di altissima qualità come quello andato in onda ieri sera, una scenografia stupenda, coreografie originalissime, musiche sempre ricercate e, naturalmente, l’immancabile presenza di ragazze bellissime e sensuali. Un varietà d’avanguardia dove un grande Piero Chiambretti miscela ironia, arte, politica e spettacolo in un coktail dal sapore post-moderno. Una delle poche cose degne di essere viste in televisione. C’è poco da dire, Chiambretti è tornato Chiambretti.

1 COMMENTO

  1. non sono d’accordo! è stata una trasmissione lenta e noiosa, senza nulla di emozionante. peccato.

Comments are closed.