Home Università Napoli, partono gli orti didattici

Napoli, partono gli orti didattici

464
CONDIVIDI

Alla presenza del Sindaco Luigi de Magistris, gli assessori all’Istruzione, Annamaria Palmieri, e all’Ambiente, Tommaso Sodano, hanno sottoscritto oggi in Comune un protocollo di intesa con il Preside della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Paolo Masi.

Il Protocollo getta le basi per una collaborazione tra Istituzioni ed Università, al fine di promuovere presso gli alunni delle scuole del territorio una rinnovata cultura di tutela ambientale. Infatti, attraverso momenti formativi ed azioni concrete si persegue l’obiettivo di trasmettere una giusta educazione alla cura e al rispetto degli spazi urbani cittadini.

In particolare gli alunni potranno cimentarsi nella realizzazione di piccoli orti didattici, recuperando, contemporaneamente, aree dismesse di pertinenza delle scuole, o esterne ad esse. Attività ludiche che insegnano ai piccoli cittadini ad aver cura del verde e dell’ambiente circostante.

La Facoltà di Agraria si occuperà delle attività di aggiornamento, formazione, consulenza scientifica e tecnologica per la realizzazione di progetti di orto didattico, e dell’apprendimento delle tecniche di compostaggio e realizzazione di piccole aree verdi.

Ridurre le distanze tra cittadini e istituzioni significa anche questo: porre a sistema azioni che consentano ai piccoli alunni di provare concretamente la possibilità di progettare e costruire qualcosa, di sperimentarne l’utilità ed il ritorno in termini di coscienza e conoscenza.

Protagonisti assoluti delle attività proposte saranno proprio gli alunni che potranno responsabilizzarsi nel gestire autonomamente l’operazione, avvalendosi di tecniche ed approcci certi proposti da uno specifico ”Tavolo di confronto”. Soggetti esperti, infatti, aiuteranno gli alunni nell’immaginare, progettare e realizzare le diverse azioni, sia per la parte ludica che per quella più propriamente tecnica.

Attori e contenuti del protocollo sono stati inseriti in un “Tavolo di confronto” più ampio che, su proposta degli Assessorati alla Scuola e all’Ambiente, mira a coinvolgere gli insegnanti, le famiglie e gli alunni nella rigenerazione e restituzione alla città di spazi pubblici attualmente inutilizzati o degradati (cortili, aree verdi, spazi attrezzati, ecc.). Il “Tavolo di confronto” intende, pertanto, non solo aumentare l’offerta di luoghi di socialità e aggregazione, ma anche diffondere e promuovere la gestione partecipata degli spazi pubblici.

Comune di Napoli