Home Varie Ambiente Naufragio Costa. Oggi verrà presentato il piano di recupero rifiuti

Naufragio Costa. Oggi verrà presentato il piano di recupero rifiuti

576
CONDIVIDI

Continua in maniera incessante il lavoro dei soccorritori e dei sub al largo dell’isola del Giglio. Ieri è stato trovato il corpo della diciassettesima vittima, Erika Fani Soriamolina, una cittadina peruviana, membro dell’equipaggio della Costa Concordia. E intanto, a causa delle condizioni meteo e del mare mosso, il relitto della nave continua a spostarsi, passando dai 2-3 millimetri all’ora dei giorni scorsi ad un preoccupante 3,5 centimetri in sole sei ore.

Questi sono i dati rilevati nella giornata di ieri dagli strumenti che costantemente tengono monitorata la Concordia. Per questo motivo i responsabili del comitato tecnico scientifico che controllano il relitto hanno invitato i soccorritori a sospendere ogni tipo di operazione.

Nel corso di una riunione della commissione per l’emergenza Concordia, tenutasi ieri all’isola del Giglio, il presidente Franco Gabrielli ha detto che i lavori per lo spostamento della nave non avranno una immediata risoluzione. Secondo il prefetto Gabrielli, infatti, “ci vorranno tra i sette e i dieci mesi per rimuovere il relitto”.

E la cosa preoccupa non poco i gigliesi che temono un calo drastico e sostanziale del turismo. Nel frattempo si tenta di far fronte alla situazione cercando di individuare un altro varco di accesso al Giglio, nel tentativo di abbattere e scongiurare l’allontanamento dei turisti dall’Isola.

Si lavora su tutti i fronti, insomma, anche se al momento il problema più serio appare quello di arginare ad ogni costo il pericolo di un gigantesco disastro ambientale. Ed è in questa ottica che ci si sta adoperando a 360 gradi. Per la mattinata di oggi, infatti, è atteso il piano della Costa finalizzato al recupero dei rifiuti.