Home Costume e società Benedetto XVI: La Chiesa aiuti le vittime degli abusi

Benedetto XVI: La Chiesa aiuti le vittime degli abusi

444
CONDIVIDI

“La cura per le vittime di abusi sia una preoccupazione  prioritaria per la Chiesa Cattolica e vada di pari passo con un  profondo rinnovamento della Chiesa a tutti i livelli”, queste le parole del papa nel messaggio al simposio antiabusi apertosi alla Gregoriana di Roma. Il Papa incoraggia la Chiesa a “costruire un ampio ventaglio di esperienze per promuovere in tutta la Chiesa una cultura di salvaguardia e supporto alle vittime”.

Il Cardinale Joseph William Levada, prefetto della Congregazione, aprendo il simposio internazionale riservato a vescovi e religiosi ha denunciato circa 4.000 casi di abusi sessuali di ecclesiastici su minori; la Congragazione ha registrato un drammatico aumento anche grazie alla copertura mediatica che questi scandali hanno avuto in tutto il mondo. Levada si è soffermato sulla collaborazione della Chiesa con le autorità civili che riconosce che l’abuso sessuale non è solo un crimine in diritto canonico ma è anche un crimine che viola le leggi penali nella maggior parte delle giurisdizioni civili.

1 COMMENTO

  1. NON FATEVI IMBROGLIARE ANCORA
    UNA VOLTA COME DA 2000 ANNI 

    Come ha sottolineato, infatti, Tom Doyle, il Crimen sollicitationis impone categoricamente la scomunica immediata (latae sententiae) a chi denuncia i crimini di pedofilia e che
    soltanto le gerarchie ekklesiastiche hanno funzione giuridica in simili reati.
    L’ostacolo è proprio questo: che tutte le cause in corso sono soggette al “segreto pontificio” . In particolare, il Crimen impone che le cause di abusi sessuali siano segretissime e su esse scenda il “silenzio perpetuo”, sia da parte dei giudici canonici sia anche dei testimoni, delle vittime e dei violentatori. Questo va a collidere con le disposizioni civili dello Stato italiano che nell’art. 378 del codice penale punisce a titolo di favoreggiamento personale “chiunque, dopo che fu commesso un delitto per il
    quale la legge stabilisce l’ergastolo o la reclusione […] aiuta taluno a eludere le investigazioni dell’Autorità, o a sottrarsi alle ricerche di questa”.

    da: LA RELIGIONE CHE UCCIDE
    COME LA CHIESA DEVIA IL DESTINO DELL’UMANITÀ

    alessiodibenedetto.jimdo.com/novita-2010/ 

    macroedizioni.it/libri/la-religione-che-uccide.php

Comments are closed.