Home News Economia & Finanza Il capo della Polizia Antonio Manganelli il più pagato con 621mila euro

Il capo della Polizia Antonio Manganelli il più pagato con 621mila euro

600
CONDIVIDI

Sono circa 60 i vertici dell’amministrazione pubblica che superano il tetto dei 294mila euro, considerata come soglia massima per gli stipendi dei manager pubblici. Dalla lista consegnata oggi dal ministro per la Pa Filippo Patroni Griffi al Parlamento su richiesta delle commissioni Affari costituzionali e Lavoro è emerso che il più pagato tra loro è il capo della Polizia Antonio Manganelli a quota 621.253, 75 euro, seguito dal Ragioniere Generale dello Stato Mario Canzio che ha una retribuzione di 562.331,86 euro, il capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Franco Ionta a 543.954,42 euro e il capo Gabinetto del ministero dell’Economia Vincenzo Fortunato con 536.906,98 eur, fino ad arrivare al presidente dell’Agcom Corrado Calabrò a quota 475.643,38.

Manganelli, dunque, è primo in ‘classifica’ per lo stipendio più alto, ma non è detto sia il più ‘ricco’ tra i dirigenti dello Stato, dal momento che alcuni colleghi potrebbero superarlo sommando le retribuzioni ricevute per i diversi incarichi. Ad ogni modo, tutti i nomi nella lista consegnata dal governo al Parlamento, andranno incontro alle riduzioni di stipendio previste dal decreto attualmente all’esame delle Camere, che fissa un tetto retributivo a 294 mila euro.