Home Arte Inaugurata la mostra fotografica: Made In Italy

Inaugurata la mostra fotografica: Made In Italy

296
CONDIVIDI

“Vista” è un centro dedicato all’arte e alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti, ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo. E’ in questo contesto che Vista presenta la mostra collettiva “MADE IN ITALY” curata da Michela Melis.
In questo particolare momento  l’orgoglio di essere italiani può essere mostrato anche attraveso l’ARTE, l’eccellenza che ha reso l’Italia uno dei paesi più belli.

Per questo il tema dell’esposizione è l’uso del linguaggio fotografico per descrivere il mondo, per raccontare il punto di vista dell’attuale fotografia italiana.
Di seguito una breve rassegna degli artisti che parteciperanno alla mostra:
Niki Barbati: “Gli angeli che ti guardano dal ponte, un barcone diroccato sul Tevere, il caos minaccioso di un cielo plumbeo o le perfette geometrie del Borromini. E’ una Roma diversa, insolita e mai caotica quella che cerco di ritrarre. Panorami quotidiani che sembrano inediti per l’uso quasi psichedelico del colore o per la sofficità del bianco nero a tratti onirico. Il cielo diventa protagonista e toglie spazio al Tevere. La cosa più bella? Passeggiare per Roma o per New York, perdersi nella Sicilia barocca o tra le luci di Las Vegas per vedere quello che gli altri non vedono, fermandomi quando capita a cogliere immagini di quotidiana solitudine.”
Classe64: “Ho poco da dire riguardo a questa mia grande passione; riempie le mie giornate e parafrasando una delle poesie più famose di Ungaretti ‘m’illumino d’immenso’ grazie a lei.”
Davide D’Ambra: Bisogna guardare due volte. I personaggi delle fotografie di Davide D’Ambra sono comparse su un palcoscenico metafisico: emergono dall’ombra più nera illuminati dalla luce nitida dei fari, circondati dalle linee e costruzioni geometriche della scena e compiono gesti simbolici e teatrali.
Mitia Dedoni: si avvicina in modo graduale al mondo della fotografia, in particolare al fine art.
Cresce e si affina a contatto con importanti autori versiliesi dai quali trae ispirazione per il suo percorso artistico rivolto alla ricerca di una visione molto intima e personale del percettibile, ricerca che porta sovente ad una interpretazione impressionista.

Artisti poliedrici che presentano opere dai tratti inconfondibili. La mostra fotografica rimarrà visitabile fino al 10 febbraio 2012.