Home Arte Arte, recuperati capolavori di Rubens, Van Dyck e Giordano

Arte, recuperati capolavori di Rubens, Van Dyck e Giordano

440
CONDIVIDI

Grazie al lavoro svolto dai Carabinieri del Reparto Tutela Patrimonio Culturale di Roma, sono stati recuperati 37 dipinti rubati a Roma nel 1971. Si tratta di capolavori di epoca compresa tra il XIII secolo e il XIX secolo, del valore di 7,5 milioni di euro, firmati, fra gli altri da Rubens, Reni, Van Dyck, Giordano e Poussin.

I dipinti, rubati ad un imprenditore romano ora scomparso, erano in origine 42; quindi mancano all’appello ancora  5 opere. A dare il via alle indagini è stata la verifica su alcune opere d’arte riprodotte nel catalogo di una casa d’aste, eseguita tramite la Banca Dati dell’Arma sui beni culturali sottratti illecitamente. Opere messe in vendita da una donna cinquantunenne che, nel tempo, le aveva acquistate insieme al marito e che ora saranno riconsegnate agli eredi del vero proprietario. Le indagini hanno permesso, grazie anche alle perquisizioni eseguite a carico della donna, di recuperare la quasi totalità del bottino. La cinquantunenne, M.F, è stata denunciata a piede libero all’Autorità Giudiziaria con l’accusa di ricettazione. E, naturalmente, sono in corso indagini per localizzare i dipinti mancanti.

Tra le opere emergono un dipinto di Guido Reni raffigurante Giuditta e Oloferne, un Rubens che raffigura un Cristo in Croce, una tavoletta di scuola toscana attribuita a Taddeo Gaddi in cui viene presentata la Crocefissione. “Opere nelle quali, in molti casi, l’attribuzione è però incerta e va ulteriormente verificata”,  ha dichiarato Rossella Vodret, soprintendente per il Polo Museale di Roma.

Spiccano, inoltre, una coppia di olii su tela del XVII sec. attribuiti al pittore Luca Giordano, raffiguranti paesaggi campestri, un olio su tela, di Giuseppe Ruoppolo in cui viene presentata una natura morta, un olio su tela di Andrea Meldolla, detto Lo Schiavone nel quale campeggiano Venere e amore e un paesaggio lacustre con soldati di Salvator Rosa; infine, un olio su tela di Antoon Van Dyck in cui viene presentato il ritratto di un cavaliere e un olio su tela che raffigura il battesimo di Cristo del francese Nicolas Poussin.