Home Sport Calcio Calcio, Champions’ League: Barcellona e Apoel Nicosia ai quarti di finale

Calcio, Champions’ League: Barcellona e Apoel Nicosia ai quarti di finale

543
CONDIVIDI

La lista delle squadre che hanno ottenuto il pass per i quarti di finale di Champions’ League si allunga: tra le
migliori otto d’Europa, dopo Milan e Benfica, ci saranno anche Barcellona e Apoel Nicosia. I nomi delle altre quattro qualificate si scopriranno tra martedì e mercoledì prossimi, quando tra le protagoniste in campo ci saranno anche Napoli e Inter.

Il Barcellona delle stelle, che aveva già archiviato la pratica qualificazione con il 3-1 rifilato in trasferta
ai danni dei tedeschi del Bayer Leverkusen, al “Camp Nou” fa indigestione di gol. Sette le reti realizzate in una serata che soprattutto Leo Messi ricorderà per sempre. Il funambolo argentino regala al pubblico catalano un vero e proprio show, mettendo a segno addirittura una cinquina, fatto mai accaduto in una partita di Champions’League. La “Pulce”, a secco da un anno in casa nel massimo torneo continentale, segna in tutti i modi: col destro, col sinistro, con due deliziosi lob, di precisione e pure di fortuna, sfruttando l’errore del portiere avversario Leno. Il Leverkusen – che qualche giorno fa aveva battuto in campionato il Bayern Monaco per 2-0 – non capisce praticamente più nulla e finisce per essere infilzato anche dal giovane Tello, autore di una doppietta. Alla fine, però, arriva almeno il gol che salva l’onore: a realizzare la rete della bandiera per i tedeschi ci pensa  il marocchino Bellarabi con un bel destro a girare su cui nulla può Victor Valdes. Persa ormai la Liga, appannaggio – salvo sorprese – del Real Madrid, il Barça vira sulla Champions’, e le possibilità di portare a casa il terzo trofeo in quattro anni ora sono davvero molto alte.

La vera sorpresa del mercoledì di coppa arriva però dalla piccola isola di Cipro, dove l’Apoel Nicosia, insieme ai suoi tifosi, sta vivendo un autentico sogno. La squadra allenata da Jovanovic riesce nella straordinaria impresa di accedere ai quarti di finale, lì dove mai nessuna squadra cipriota era riuscita ad arrivare, eliminando il più quotato Lione, vincitore all’andata per 1-0. L’Apoel sblocca il risultato in apertura con il gol di Manduca, a segno all’8’. Il 2-0, sfiorato più volte, non riesce però a materializzarsi, nemmeno nei tempi supplementari. La partita, così, finisce ai rigori, dove per il Lione sono fatali  gli errori di Lacazette e Bastos, parati da un bravissimo Chiotis. Meritata la sconfitta dei francesi, assai poco incisivi in fase di attacco. Per l’Apoel, invece, su cui nessuno a settembre avrebbe scommesso un soldo, la favola sembra non voler finire. Ed è giusto così.